Fiero dei Des – 2014

Purtroppo non potrò raccontarvi nessuna delle interessanti iniziative che vi avevo segnalato per il weekend, visto che l’influenza mi ha costretta a casa. Alcuni amici mi hanno detto che la Fiera della Toma di Condove “valeva veramente la pena”. Il maltempo ha funestato il fine settimana e prosegue tutt’ora. Venerdì mattina invece pareva una bella giornata.

In pianura al mattino il cielo pareva coperto, ma in alta valle era sgombro da nuvole. Una fredda mattinata attendeva le prime vacche che stavano arrivando a Pian Melzè per la fiera. Le bancarelle erano già tutte montate, molti espositori erano arrivati già la sera precedente.

Da monte o da valle, quasi tutti gli allevatori locali hanno portato i loro animali alla fiera. Mancava sicuramente il gregge che riunisce molte pecore del comune, ma era ancora al pascolo più in alto e sarebbe stato problematico condurlo giù e poi farlo risalire nel tardo pomeriggio.

Poco per volta il sole è arrivato a riscaldare l’intero spazio della fiera, compreso il palco dove più tardi ci sarebbe stata l’estrazione della tradizionale lotteria. Ricchi premi come sempre, soprattutto le campane, oltre ad un vitello che rappresenta il primo premio.

La gente inizia ad affluire, sempre più numerosa, anche i momenti di maggiore affollamento saranno nella tarda mattinata e nel pomeriggio. Il cielo però comincia a coprirsi e le prime nuvole fanno la loro comparsa sulla parte alta del Vallone di Bellino. Riusciranno a guastare anche questa fiera?

Poco prima di pranzo, quando la maggior parte del pubblico è confluito nei pressi del rifugio per la polentata, riesco a fare un giro tra i recinti dove sono stati messi gli animali dei vari allevatori. Sole e colori d’autunno. In prevalenza le vacche sono di razza piemontese, ma non solo, come potete vedere.

Più tardi però il tempo si guasta e le nuvole coprono interamente il cielo. Aria fredda, aria di alta montagna… Gli allevatori e i loro amici si apprestano a pranzare alle tavolate accanto ai recinti degli animali. Da una parte c’è il settore “bovini”, dall’altra quello “ovicaprini”, dove incontriamo anche numerose capre di razza vallesana.

Qualche goccia di pioggia, poi ancora nuvole e nebbie che si abbassano, a creare un’atmosfera davvero di fine stagione. Presto molti dei bovini lasceranno la valle, tornando in pianura, qualcuno andrà nelle stalle delle aziende che ancora resistono quassù. Pecore e capre finiranno di pascolare alle quote più basse, contribuendo a rendere bello, pulito e ordinato il paesaggio.

Per concludere la giornata, con un po’ di ritardo per soddisfare tutti quelli che ancora volevano acquistare un biglietto, ecco che inizia la lotteria. Prima c’è la premiazione degli allevatori che hanno partecipato, poi due parole da parte del Sindaco e quindi si inizia con il sorteggio dei ricchi premi. Come sempre, un grazie all’Associazione Pastur de Blins per l’organizzazione della fiera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...