Un po’ di appuntamenti, prendete nota!

Passata la “pausa” invernale, ricomincia una serie di appuntamenti con convegni, incontri e presentazioni del mio ultimo libro. Oggi, anche per i non Piemontesi, alcuni appuntamenti per le prossime settimane, in modo che possiate organizzare i vostri impegni, se per caso aveste intenzione di partecipare ad uno di questi eventi. Andiamo in ordine cronologico.

Per gli amici della Lombardia che seguono questo blog (e so che sono molti), finalmente qualcosa anche nella vostra regione! Il primo incontro si terrà sabato 23 febbraio 2013, ore 10:30, presso l’Auditorium del CFP di San Giovanni Bianco (BG) e si parlerà soprattutto di pastorizia, ma anche dei giovani allevatori protagonisti del mio ultimo libro.

Sempre il 23 febbraio, ma alla sera, ore 21:00, presso la Sala Polivalente M.Giupponi, sempre a San Giovanni Bianco (BG), “Il lavoro del pastore nelle Alpi”, con ampio spazio dedicato a “Di questo lavoro mi piace tutto”.

Torniamo in Piemonte, in Val Pellice. Sabato 2 marzo, ore 9:30, a Luserna San Giovanni, presso Villa Olanda (sede GAL) si terrà un convegno dal titolo: “La filiera ovicaprina. Risorsa e Opportunità per il Territorio”

Programma

–      h 9.00 – Apertura dei lavori: – Marco Balagna – Assessorato Agricoltura e Montagna Provincia di Torino

–         h 9.30 – L’alpeggio: una risorsa del territorio – Claudio Goia – Comunità Montana del Pinerolese

–         h.10.00 – L’allevamento e la transumanza –  Marzia Verona – scrittrice e pastore

–         h 10.30 – La lavorazione del latte  – Guido Tallone– Tecnico Caseario Agenform- Consorzio Istituto Lattiero-Caseario di Moretta

–         h 11.00- La valorizzazione della carne ovicaprina – Mauro D’Aveni Consorzio Produttori Agricoli Torino – COPAT

–         h 11.30 – Pausa caffè-

–         h 11.45 – Recupero e impiego della lana – Nigel Thompson – The Wool Company – Biella

–         h 12.15 – L’azione del Gal: progetti e bandi – Patrizia Giachero –  Gal Escartons e Valli Valdesi                                                                                                  

–         h 12.45 Conclusioni –Roberto Ravello– Assessorato Ambiente e Difesa del suolo Regione Piemonte

 Modera: dott.ssa Patrizia Giachero, Presidente Gal Escartons e Valli Valdesi

In ultimo, in occasione della festa della donna, il 7 marzo 2013 sarò a Cuorgnè (TO), ospite della sede CAI, per parlare della figura della donna nel mondo dell’alpeggio e della pastorizia. Ore 21:00 presso l’ex chiesa della SS.Trinità, Via Milite Ignoto 1.

Spero di incontrare molti di voi nel corso di questi eventi. A presto!

Un saluto e suoni

Dalle pagine di questo blog voglio mandare un saluto…

Un saluto a Roby che non c’è più. E’ l’ultimo a destra, qui lo vedete nel 2010 alla fiera di Biella, credo fosse la prima occasione in cui l’avevo incontrato. L’ultima quest’estate a Pragelato, già colpito dalla malattia.

(foto G.Mocchi)

Dopo questa parentesi triste, concedo spazio all’amico Giovanni Mocchi, che mi aveva inviato quest’immagine: “A Ceresito, Fiorina Maurizio forgia campanelle per capre e pecore, utilizzate soprattutto in Val Sesia. E’ anche costruttore di rarissime fisarmoniche in legno, insomma un mago dell’artigianato artistico.” Giovanni poi ci segnala una manifestazione.

Il convegno sul rito agropastorale di cacciate di gennaio è alle porte. Te ne dò informazione. I Celti vedevano in questa data, che festeggiavano con il rito di Imbolc, il momento di risveglio della natura, con la nascita degli agnelli e la lattazione, il primo sintomo di una fame superabile e del ritorno della primavera. E’incredibile come ci siano molti paesi con tradizioni nascoste ma pur vive e addirittura in ripresa. Non è un mondo in estinzione, ma sono nicchie vive e fiere. Con un paragone un po’ azzardato, la varietà delle tradizioni è come quella dei formaggi locali, a volte sconosciuti, ma molto localizzati e soprattutto preziosi.

CACCIAR GENNAIO

Suoni e riti propiziatori in arco alpinoSede: Scuola primaria di Ardesio

Giovedì 31 gennaio 2013 – h 9.30

Vengono messi a confronto i riti di cacciata di gennaio, con il contributo in rete dei paesi che condividono la stessa tradizione. Relazioni di scolaresche, Proloco ed ecomusei.
Coordina il Prof. Giovanni Mocchi

In collegamento hangout:
Scuola primaria di Ardesio (BG) ‘Scasada del Zenerù’
Gruppo Zenerù di Camparada (MI) Una migrazione del ‘Zenerù ‘
Scuola primaria di Plesio (CO) ‘Giunèe’
Proloco di Saviore (BS) ‘Fò sìner, tor fabrer’
Scuola primaria di Olda – Taleggio (BG) ‘L’è fò gener, l’è sa fevrer’
Scuola primaria di Tirano (SO) ‘Tirà li toli’
Scuola primaria di Bormio (SO) Il ‘Geneiron’
Scuola primaria di Abbadia lariana (LC)’Ginèe’

Il convegno vuole chiamare a raccolta su hangout di google i protagonisti dei riti di cacciata dell’inverno, con particolare riferimento all’appuntamento astronomico del 31 gennaio, data che dà il via ai giorni della merla, considerata fin dall’antichità cerniera tra inverno e primavera. Vuole inoltre renderli consapevoli della rilevanza culturale e dello spessore storico di ciò che in ciascun paese pare soltanto un evento locale. Come diceva un anziano di Ardesio “i ragazzi fanno baccano e gli anziani raccontano loro il senso della tradizione”. E’ quanto intende fare questo incontro che avrà come esito un DVD di documentazione, in vista del convegno scientifico di sintesi del 1 febbraio 2014.
Per gli interessati l’appuntamento è presso la scuola primaria di Ardesio, mentre i ragazzi delle vallate si collegheranno via computer.
Al collegamento ci sarà come ospite il gruppo Urzu e Pimpirimponi di Sadali, Sardegna, una maschera demoniaca tradizionale adorna di campanacci, corna e pelli.
Per informazioni Pro Loco Ardesio info@prolocoardesio.it, il link per la videoconferenza http://www.youtube.com/prolocoardesio

Problemi degli alpeggi

Poco tempo a disposizione per il blog, oggi, ma volevo segnalarvi un convegno che può interessare, oltre agli addetti ai lavori, anche chi vuole capirne di più sul mondo degli alpeggi e sulle sue problematiche.

Si terrà a Saluzzo (CN) il prossimo venerdì 25 gennaio, presso l’antico Palazzo Comunale ed il titolo recita “Difendiamo i margari”.

Tante le tematiche in programma e le personalità che prenderanno la parola. sarà presente anche l’assessore regionale all’Agricoltura Claudio Sacchetto, quindi per chi ha qualcosa da dire… questa è l’occasione giusta per partecipare ed esporre le proprie idee, le proprie problematiche, nella speranza di non sentire solo promesse, ma fatti concreti!