Quando provi a far qualcosa c’è invidia

Da quando, nel mondo degli appassionati, si sta spargendo la voce che ho intenzione di scrivere un nuovo libro a tema “caprino”, in molti mi hanno già contattata chiedendomi di visitare anche la loro azienda. Grazie per la collaborazione! Quello che cerco sono storie da raccontare, non mi interessa la dimensione della vostra azienda, se allevate capre per hobby, per reddito, se mungete o se avete capre da battaglia. L’importante è che la vostra sia una bella storia di veri appassionati e abbiate voglia di raccontarmela.

Di Elena sapevo che… esisteva! Ero passata nei pressi della sua azienda lo scorso anno, casualmente durante una gita e ne avevo accennato qui. Poi un’amica comune, anche lei allevatrice, mi ha portata qui per intervistarla. Saliamo sopra a Paesana, in Valle Po, fino ad arrivare alla stalla di Elena. Lei e Sara chiacchierano, guardano le capre, è pieno di capretti nati nelle ultime settimane. Le capre sono veramente grosse, parecchie devono ancora partorire.

La stalla è nuovissima, ma l’abitazione non c’è ancora, bisognerà ristrutturare le altre baite lì vicino e ci vorrà ancora tempo, si spera meno di quanto è stato necessario per i permessi relativi alla struttura per ricoverare gli animali. “Le prime capre le ho prese nel 2008. Ho sempre avuto la passione, ho studiato Agraria e poi Scienze Forestali. Mentre studiavo, lavoravo nei rifugi in montagna. Sono di Moncalieri, abitavo in un appartamento al terzo piano e i miei genitori sono operai. Mi ero trasferita a Villar Perosa con il mio ex compagno, in una baita, al piano terra c’era la vecchia stalla, intorno tanti rovi. Avevo chiesto agli Agù per comprare delle capre e loro mi hanno mandata da Sara… Ne avevo prese tre e un maschio.

Questo è stato l’inizio di Elena, classe 1983. Mi racconta la sua passione per questi animali a cui sta dedicando interamente la sua vita. “Sono intelligenti, affettuose. Mi sono piaciute per il carattere. Sono furbe, ma anche stronze!“, ride Elena. “Ognuna è diversa, hanno il loro carattere!” Ha imparato man mano sul campo: “Per il primo parto difficile ero agitata, ero sudata, in panico! Ho chiamato per telefono Sara che mi spiegava cosa dovevo fare per tirare fuori il capretto. Poi impari, adesso faccio tutto da sola, quando c’è proprio bisogno chiamo il veterinario.

 

Le difficoltà maggiori per Elena sono state burocratiche. “Dove ero prima non potevo sviluppare niente, non c’era spazio, pochi pascoli. Questo posto l’ho trovato su internet, ho guardato che fosse al sole e ci fossero i pascoli. Non ho potuto prendere finanziamenti e fare l’insediamento come giovane imprenditore perchè l’amministrazione mi ha ostacolata. Ci hanno messo un anno e mezzo a darmi i permessi, così sono scaduti i termini. Non sono di qui e questo da fastidio… Sai il film “Il vento fa il suo giro“? L’ho scoperto dopo che la storia che l’ha ispirato è successa poco lontano da qui. C’è gente che mi ha accolta bene, i vicini della borgata Ferrere che hanno bestie non mi hanno mai detto niente. Però altri invece… quando provi a far qualcosa, c’è invidia!

Elena da poco ha preso anche una vitella, per avere in futuro il latte per i capretti. Attualmente ha un’ottantina di capre. Nei progetti, c’è quello iniziale di vendere il latte, intanto ristrutturare le altre baite sia per l’abitazione, sia per i locali di lavorazione latte e carne. Recentemente ha fatto lavorare la carne di una delle sue capre presso l’Istituto di Moretta ed è rimasta molto soddisfatto. Il marito di Elena lavora già nel settore carne, quindi le basi per realizzare questi sogni ci sono.

Mi racconta dell’anno precedente, quando la stalla era rimasta isolata per via della neve. Quel giorno stesso, al pomeriggio, avrebbero dovuto portarle del fieno, così era poi tranquilla in vista della nevicata prevista (e arrivata in questi giorni). “Non mi hanno pulito la strada, venivo su da casa con l’asino e il basto. Vado sempre su e giù a piedi, dal sentiero sono 10 minuti, ma ovviamente serve anche avere la strada pulita! Solo che… Hai voluto venire qui? E allora arrangiati! Questa è l’accoglienza che ho avuto!” Ma Elena non è una che si scoraggia.

Momenti di sconforto ne ho avuti tanti, infiniti! Venir su con un metro e mezzo di neve e l’asino… Poi tutti i costi che devi sostenere per essere in regola, quando ricevi i preventivi… Un’altra volta sono caduta al pascolo, mi sono fatta male al ginocchio, ma il giorno dopo comunque ero qui. Se proprio devo andare via per qualcosa di importante, viene mia mamma, piace anche a lei e le capre al pascolo con lei stanno brave. Come quando sono dovuta andare a fare la prova dal parrucchiere per il matrimonio!

La stalla è pulitissima, non si sente nessun odore a parte quello del becco. Su di una parete, il manifesto del “Fronte di liberazione del contadino impazzito” (se lo volete leggere, lo trovate qui). Elena lavora e racconta, parla del tempo libero che non esiste, ma non è quella che si lascia andare perchè lavora in stalla in un posto fuori dal mondo, la sua femminilità è curata sia nell’abbigliamento, sia nell’aspetto. “Io sono ancora una che si emoziona, quindi piango per il bene e per il male. Tra i momenti più belli, quando nascono i capretti, quando le abbiamo messe qui nella stalla nuova.

Le capre sono frutto di incroci, selezionate per il latte, ma anche per la rusticità, visto che in primavera, estate e autunno si va al pascolo. Adesso c’è un grosso becco di razza verzasca, che dovrebbe garantire entrambe le caratteristiche. “I problemi sono quelli che hanno tutti: alimentarle bene costa e vendere rende poco. Ma dovessi rifare la mia scelta, lo rifarei. Magari da un’altra parte, perchè qui in Italia è proprio difficile… Anche essendo donna è tutto più difficile. Solo quando vengono qui e vedono le bestie tenute bene allora mi considerano. Altrimenti, donna e di Moncalieri, figuriamoci! C’è stato anche chi mi ha fatto dei brutti scherzi, mi hanno tagliato i guinzagli dei cani che erano appesi fuori, mi hanno aperto i rubinetti dell’acqua quando facevamo la stalla, sono arrivata su ed era tutto allagato, sono dovuta andare a far denuncia contro ignoti.

  1. Complimenti ad Elena per le belle capre,peccato che sia in Piemonte ,la distanza a volte è matrigna,Da noi in Romagna non ci sono grandi allevamenti di capre.Io ad esempio ne ho solo 4 che mi hanno partorito questi giorni ,con 7 capretti,spero che tutto proceda bene. Saluti carissimi

  2. complimenti a elena e a tutte le donne coraggiose ,l’invidia non ha regione e come si suol dire tutto il mondo e paese.per quanto riguarda i PSR sono creati per continuare ad elargire soldi ai soliti ‘non per aiutare i giovani ad avviare nuove aziende,purtroppo.l acqua del fiume va sempre al mare…….

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...