Un odore pazzesco e cacca di pecora ovunque!!

Lo so, ben altri sono i problemi che affliggono questo paese. Per lo meno questo mio blog da sempre si occupa di allevamento e pastorizia, quindi sono giustificata se pubblico certe notizie “ridicole”. E’ invece un po’ più grave che un’amministrazione comunale di un paese fondamentalmente “rurale” abbia un Sindaco che definisce “allucinante” il passaggio di un gregge nel suo Comune.

Facciamo un passo indietro. Per il post di oggi mi appoggio alle bellissime immagini del fotografo Roberto Cilenti, grazie al quale su facebook spesso seguo in modo virtuale il cammino di alcune greggi che non ho mai incontrato dal vivo. Questo è il gregge “incriminato”. Era l’8 di gennaio e pecore, asini, cani e pastori stavano scendendo su Verres. Questo stesso gregge era stato anche protagonista di un servizio di “atmosfera natalizia” al tg regionale (RAI) durante le feste. Il pastore, un mestiere antico, la transumanza, belle parole.

Il gregge era sceso, ormai in Valle non c’era più nulla e inoltre aveva nevicato. La stagione era durata ben più del solito, bisognava portarsi verso la pianura. Roberto segue la transumanza, il gregge passa a Verres. Un paese, strade asfaltate, marciapiedi, traffico. Anche altri immortalano il fiume bianco e pubblicano le foto sui social network.

nei pressi di Pont St. Martin

Poi il cammino prosegue ancora, molti spostamenti avvengono di notte, anche per non intralciare eccessivamente il transito delle auto e tutte le varie attività. Mentre continuiamo ad apprezzare le immagini di altri tratti della discesa, veniamo però a quel che è successo quando il gregge era ormai in Piemonte. Ieri sera leggo un articolo, stamattina un altro. “Pavone Canavese, pastore multato per aver attraversato il centro con mille pecore. Forse aveva perso la strada o, probabilmente, non sapeva che transitare in pieno centro abitato con un gregge di mille pecore non è affatto una buona idea, oltre che essere vietato dalla legge. Sta di fatto che ora sarà costretto a pagare ben 600 euro di multa. Il protagonista di questa curiosa vicenda è un 30enne di Oglianico che, nella notte tra martedì e mercoledì, ha pensato bene di passare nel centro di Pavone Canavese – 4mila scarsi abitanti in provincia di Torino – accompagnato da un migliaio delle sue pecore a cui si aggiungevano numerose mucche. Un transito che non è certo passato inosservato, specialmente per i “ricordi” lasciati sull’asfalto dal suo bestiame.” (da torinotoday.it, qui l’articolo completo)

(nei pressi di Donnas)

L’articolo è scritto con un tono ironico del tutto inappropriato. Perso la strada? E il passaggio nel centro del paese NON E’ vietato per legge. Altrimenti come la mettiamo con tutti gli altri paesi attraversati? Chi “frequenta” questo blog sa bene come stanno le cose: le leggi esistenti mal si accordano con il pascolo vagante o comunque con la movimentazione di greggi e mandrie sulle strade. Nessuno fa rispettare (per fortuna!!) certi vincoli assurdi, tipo la necessità di tenere la mezzeria o il numero di persone e cani che vorrebbe il codice della strada.

Attilio e Piero

Nel secondo articolo si dice che la multa è stata doppia: “A suo carico sono state notificate ben due multe: una da duecento euro emessa dal Comune di Pavone per le condizioni di sporcizia in cui ha lasciato le strade in cui è transitato con gli animali, più una seconda da 400 euro verbalizzato dalla Forestale di Settimo Vittone che gli ha contestato il mancato permesso al passaggio dell’Asl. Il fatto è avvenuto all’una di notte, tra martedì e mercoledì scorsi. Mentre tutti dormivano, il pastore dell’Alto Canavese ha imboccato la strada direzione Bennet, è entrato a Pavone, e si è diretto verso località Dossi.” (da La Sentinella del Canavese, qui l’intero articolo). Sul permesso niente da dire: c’è la legge, bisogna presentare la domanda di pascolo vagante indicando i Comuni che si attraverseranno e quelli in cui si farà sosta per pascolare. Ma la “sporcizia” sulle strade???

il gregge e il Forte di Bard

“…La mattina dopo il sindaco Alessandro Perenchio, prima di raggiungere il municipio, è stato sommerso dalle lamentele dei commercianti, furibondi. «Non ero ancora entrato in Comune e già mi arrivavano le proteste sacrosante dei negozi – ha raccontato il sindaco –. C’era un odore pazzesco e cacca di pecora ovunque. Un tappeto. Allucinante». Mentre i cantonieri, bontà loro, hanno ricevuto l’incarico di ripulire il paese, sindaco e vigili hanno pensato al resto. «Lo abbiamo trovato di lì a poche ore seguendo le tracce lasciate dal gregge»…” D’inverno, di notte, un gregge può produrre questo “odore pazzesco”? E quanto sterco possono aver lasciato le pecore? L’altro giorno vi ho mostrato le foto storiche delle pecore e vacche in centro a Torino… Quando passavano animali, la gente si precipitava fuori a raccogliere il prezioso concime per i vasi di fiori! Adesso lo andiamo a comprare in sacchi sigillati… Spero che il Comune di Pavone Canavese abbia auto ecologiche… Spero che a Pavone Canavese non vi siano buche nelle strade, immondizia scaricata in giro. Per chi non conoscesse la zona, questo è Pavone Canavese, giusto per capire che non si tratta di una metropoli. Tra l’altro, leggo che il Sindaco, in precedenza, ha svolto l’incarico di Assessore all’Agricoltura! L’amico Leopoldo dal Veneto comunque mi scrive dicendomi che, dalle sue parti, ad un pastore per lo stesso motivo è stata fatta una multa di oltre 900 euro. Ricordiamoci sempre che “…dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior…”. Mi viene quasi voglia di mandare questa canzone al Sindaco, che ne dite?

  1. Oltre a inviargli il testo della canzone di De Andrè bisognerebbe anche inviargli un manuale sul rispetto della dignità delle persone, soprattutto di chi continua a mantenere in vita un mestiere così antico e importante come il pastore. Fai bene a domandarti come l’amministrazione comunale interviene su strade e rifiuti… quello che spesso vediamo sul territorio piemontese inerente alla viabilità e relativa sicurezza stradale, nonchè al decoro urbano lascia molto a desiderare. Ma è facile vedere la pagliuzza nell’occhio altrui che la trave nel proprio.

  2. Marzia, ma come ti permetti di definire Pavone come un centro “fondamentalmente rurale”, non sia mai !!!! In Comune, solo a sentire queste parole, rabbrividiscono tutti.
    Tu non sai che in questo comune sopravvive ancora la Gloriosa OLIVETTI e tutti i nostri giovani sono felici ed occupati con tanto di posto fisso in quella fabbrica !!!!!!!!!
    Ancor di più, anni orsono, quando era in costruzione il mitico Bennet, durante una campagna elettorale il candidato sindaco (non l’attuale) tronfio tronfio annunciava: “Pavone diventerà la piccola SVIZZERA del canavese”. A distanza di alcuni lustri si può notare che quasi tutti i piccoli esercizi del paese hanno chiuso; se per caso avessi voglia di un caffè espresso dopo le 20 è meglio che sali in macchina e percorri alcuni km. Il supermercato, ovviamente, gli utili non li ri-investe a Pavone (cosa che avrebbero invece fatto i commercianti). Tanto per dare un assaggio dell’euforia che regna in questo paese ti dico che non esiste nemmeno una zona industriale- artigianale ed il n° di capannoni presenti è pari a 4 (di cui 3 agricoli). Ma tanto noi viviamo di Ricordi !!!!!!!.
    Visto che prima dicevi che il sindaco è stato assessore all’agricoltura, durante il suo mabndato ha operato una scelta molto importante: rimosso il PESO pubblico adducendo la seguente motivazione “tanto per quei quattro contadini che ci sono non è giustificata una simile spesa”. Non vivendo certe situazioni posso capire che ci si stupisca di determinate affermazioni. Buona giornata, ciao Bruno.

  3. Ciao Marzia fai benissimo ad inviare al sindaco quanto hai in mente e per favore con la raccomandazione di riflettere sulla frase.
    Ciao e grazie di quanto ci invii.

  4. Salve, io vivo in un paesino , dove praticamente le radici degli abitanti sono state nutrite dallo sterco di animali come mucche e capre e pecore ,dove le persone sono state allevate dalla nascita con latte di capra o di vacca, dove tutt’ora troviamo molti capi pascolare nei prati , e darci buon latte , il quale viene lavorato proprio qui , nel caseificio del paese , e formaggi , burro e latte viene acquistato da paesani e gente di paesi limitrofi, i quali vengono a Torre Daniele , a comperare. Ma purtroppo ci sono persone che vivono qui,ma anche persone nate qui, che si lamentano e non solo con i pastori, ma anche in comune, perchè le mucche , e animali che transitano per le vie del paese, e sporcano davanti ai loro cancelli , sporcano le strade…..E’ veramente triste assistere a tutto questo, è veramente triste uscire dalla stalla la sera (io e mio marito abbiamo una decina di capre) e sentire una scia di profumo , spruzzato dal vicino , il quale grazie alle mucche e capre e campagna , puo dire grazie che esisto! mentre adesso passa il tempo a schizzare profumo per “la puzza”……….Ma quello che mi fa piu rabbia è vedere le stesse persone che si lamentano , assistere e applaudire alla Desnalpa festa del paese ….Sono veramente degli ipocriti . Barbara

  5. Ciao non so se ti ricordi da me.  Abito ,purtroppo, a Roma per tanti anni.  Sempre volevo fare e anche fatto un po con il mio compagno, la pastore.  Sto cercando una baita in Piemonte di ristruturare.. I’ll continue in English – it’s better. After reading your article and many others I have to say that I’m Always disgusted with the stupidity of these so called sindaci. We are where we are today, in an impossibile situazione in every sense, because we’ve LOST ouselves.  We  go against , everyday, what we are and who we are and we’re paying a h withoutt realizing it.  I really need to think twice about where I’ll eventually go.  I’d rather not have to argue and defend what is so obvious and just. Me bastava 26 anni a Roma con gente maleducate e ignorante. Anyway, keep up the good work and let us know WHERE there is a  NORMAL pace to live.  Fond regards,   Debora 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...