Qualche lamentela anche con il bel tempo

Il titolo è volutamente ironico. Si sa che i pastori si lamentano sempre, ma si potrebbe pensare che quest’autunno asciutto non possa dare loro motivi per protestare e brontolare.

Sono andata ad accompagnare il gregge di amici che stavano venendo verso il mio paese. Gli altri anni non pascolavano da queste parti, ma è stata offerta loro dell’erba e allora… Apparentemente non dovrebbero esserci problemi di pascolo, quest’anno, ma il bel tempo sta favorendo non solo i pastori.

Mentre il gregge finisce di pascolare prima della partenza, il pastore mi racconta di essere in “anticipo sui tempi”. Lo scorso anno mangiava quei prati quasi un mese dopo, nonostante la pioggia e il maltempo che avevano caratterizzato l’autunno. Quest’anno, grazie al terreno asciutto, ci sono ancora allevatori di bovini che tagliano erba e la portano in stalla, invece di venderla ai pastori. Ci sono ancora mandrie al pascolo all’aperto (altro che Santa Caterina!). Ci sono contadini che si affrettano ad arare le stoppie e spargere il letame (non si sa mai che poi venga a piovere o nevicare e non si possa più entrare nei campi con i trattori).

Terminato di pascolare quel prato, il gregge si mette in cammino. Al pastore sono state offerte parecchie “giornate” d’erba (la giornata piemontese è una misura delle superfici agrarie), vale la pena andare in questa nuova zona di pascolo. Poi magari, una volta sul posto, si troveranno anche altri prati da pascolare, parlando con i contadini.

E’ un percorso già collaudato, ora si sfruttano le strade, ora la viabilità secondaria, in alcuni punti si può tagliare attraverso prati tagliati o stoppie. Come sempre splende il sole e, almeno durante la giornata, non fa troppo freddo.

Le giornate sono corte, i pomeriggi durano poco, i raggi si fanno presto obliqui e le ombre lunghe. Il cammino prosegue sulla ciclostrada, il gregge avanza veloce, le pecore paiono insaziabili, anche se hanno pascolato fino a poco tempo prima.

Si incrocia la strada in una zona di fabbriche e centri commerciali, è inevitabile che qualche auto debba attendere pochi minuti, poi il gregge sparisce di nuovo lontano dagli sguardi. Questa comunque è una zona dove di pecore ne girano parecchie, non è del tutto inconsueto incrociare un pastore vagante mentre si sposta seguendo questo itinerario.

Si approfitta di una stoppia per fare una pausa e per lasciare che gli animali mangino un po’. Il pastore valuta se riuscirà ad avere erba a sufficienza o se dovrà spostarsi ancora dal prato dove pensa di arrivare. Mentre gli animali mangiano, il tempo passa…

Si riparte e si percorre un altro tratto di ciclostrada, mentre il sole si avvia sempre più verso le montagne e il tramonto. L’aria si fa più fredda, qui in pianura ed in aperta campagna, più ancora che a ridosso delle montagne.

Si incontra un’altra stoppia e questa tappa fa sì che il successivo potrà essere l’ultimo spostamento. La moglie del pastore porta avanti l’auto e il trailer su cui sono caricati gli agnelli, va a tirare le reti dove si arriverà e dove il gregge verrà fatto dormire. Intanto gli animali continuano a brucare.

La pista viene invasa ancora una volta per raggiungere la meta finale, per gli animali ci sarà ancora un prato di erba verde da brucare, quella sera. Con il sole, senza fango, sembrerebbe proprio che i pastori non debbano lamentarsi, quest’anno!

E così, una volta arrivati, c’è solo più da consegnare gli agnelli alle mamme. Subito il gregge viene lasciato pascolare in tutto il prato, poi le reti verranno tirate per il recinto notturno. Il giorno successivo ci si rimetterà in cammino per raggiungere il comune confinante, dove si spera di pascolare per qualche settimana.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...