Tosare le pecore

Se le greggi vaganti inizieranno tra poco a tosare (meteo permettendo), chi invece ha le pecore in stalla, in questi mesi invernali ha provveduto a liberarle della lana.

In questi anni vi ho mostrato più volte le squadre di tosatori professionisti, che girano l’Italia, ma anche l’Europa, per tosare grosse greggi di pecore. Quando però ci sono da tosare numeri meno imponenti, si ricorre a tosatori locali. Un po’ ovunque ci sono pastori che sanno tosare, provvedono alla tosatura dei propri animali e vanno anche a svolgere questo lavoro da amici e conoscenti in zona, così come si è sempre fatto in passato.

Ieri sono stata da Silvio, allevatore di pecore da latte in provincia di Cuneo. La giornata era fredda e quasi invernale, la neve nei giorni scorsi è di nuovo scesa a bassa quota, ma le sue pecore sono in stalla al riparo, quindi la tosatura non comportava nessun problema. Anzi, quando gli animali usciranno al pascolo, avranno poi quel po’ di lana nuova sulla schiena a proteggerli.

Gli animali vengono fatti uscire uno ad uno dal corridoio che solitamente li porta alla mungitura. Oltre a chi tosa, ovviamente c’è bisogno di gente per prendere gli animali e tenerli per passarli via via ai tosatori. Quando però il numero di pecore è ridotto, il tutto si porta a termine in una mezza giornata ed è anche un momento di festa, oltre che di lavoro.

I due tosatori sono giovani pastori della Val Pellice. L’organizzazione della loro azienda fa sì che riescano a ritagliarsi del tempo anche per andare a tosare in giro dai “colleghi”, quando è stagione. Non sono gli unici a svolgere questa attività integrativa, alcuni sono organizzati quasi “in squadra” e si recano a tosare anche in diverse zone del Piemonte.

Una volta che il gregge è stato tosato, si riempiono di fieno le greppie, ma poi si va a tavola. Sono appunto anche giornate di “festa”, la normale routine si interrompe, dopo il lavoro si pranza in compagnia, tra aneddoti e battute. Tutt’altra cosa rispetto alle estenuanti giornate di tosatura con le squadre, dove non bisogna perdere il ritmo, nè a tirare le pecore, nè ad insaccare la lana.

Annunci

  1. Cara Marzia, in questo periodo di tosatura l’unico pensiero di tutti noi pastori è: quand’è che riusciremo a vendere la lana sucida invece che darla via a gratis? Qualcosa si sta smuovendo nel Biellese e in sud-Italia. Noi siamo pastori del Triveneto e qua è tutto fermo.
    Caterina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...