Spostamenti

Dall’Alto Adige, mi sono poi spostata in Trentino. Il grosso del traffico era incanalato sull’autostrada, con il popolo germanico che, in occasione della Pentecoste, sciamava verso l’Italia. Così, risalendo per strade panoramiche e poco trafficate, ho anche avuto modo di imbattermi in qualche gregge.

Per esempio questo, che ho avvistato dalla strada. A dire il vero subito ho visto le reti tirate, poi dall’alto anche il gregge che pascolava lungo il torrente. Per raggiungerlo ho dovuto compiere un lungo giro, tanto che al mio arrivo le pecore erano già a ruminare nel recinto, sotto il sole caldo. Dopo scoprirò che si tratta di un “piccolo” gregge di un allevatore che ha anche bovini. Il gregge è sorvegliato da operai. Intanto io proseguo…

Lungo la strada vedo chiari segni del passaggio di un gregge di grosse dimensioni, ma fatico ad intuirne la direzione. Anche in questo caso solo successivamente saprò di chi si tratta e dov’è andato. Avessi già letto questo libro, l’avrei saputo! Per il momento mi accontento di godere del panorama e dei vasti pascoli dove la neve sta appena sciogliendo. A differenza dei giorni precedenti, qui non vedo animali al pascolo “fuori stagione”.

Finalmente ecco un gregge, quello che stavo cercando! Con questi sfondi, è facile scattare delle belle foto… Chiedo conferma al ragazzo che sta sorvegliando gli animali, le pecore sono quelle di Fabio. Siamo a San Martino di Castrozza e le Dolomiti in quella bella giornata di sole sono un panorama mozzafiato.

Fabio lo conoscevo dalle foto che amici ogni tanto mi inviano. E’ giovanissimo, fa il pastore vagante da tre anni. Questa sarà la sua prima estate da solo, prima aveva lavorato con altri pastori, invece in questa stagione condurrà il gregge su varie malghe aiutato solo da un operaio. Cambiano le valli, cambia il dialetto, sono altre le montagne, ma le storie, i problemi che Fabio mi racconta sono gli stessi di sempre.

Il gregge sta pascolando nel campo da golf. Il pastore mi dice che, dopo il passaggio delle pecore, verrà fatto un trattamento per eliminare le erbe rimaste. La stagione turistica estiva è alle porte, ma ora praticamente non c’è ancora nessuno. Lo spettacolo del gregge al pascolo è riservato a pochi. E poi forse il turista di queste montagne (così come altrove) non ama gli animali, il loro odore, i belati, ecc…

Mi sposto ancora e raggiungo Canal San Bovo, che sarà teatro della manifestazione “dal mare al Vanoi”. Le greggi sono già sul posto e ci sarà occasione di conoscere i pastori nel corso della cena, durante la quale, anche se a circa 500km da casa, si troverà il modo di parlare di conoscenze e amicizie comuni. Ma di tutto questo vi parlerò in seguito!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...