Come nei libri

Dove vai pastore?“, chiese in principio. Era un mondo nuovo, affascinante, semplice e misterioso insieme. Succede. Capita di essere attirati da qualcosa al punto di sentire di doverlo seguire. Non sono solo fantasie, recentemente è successo in Veneto (sull’articolo hanno utilizzato una mia foto, rubacchiata in rete), ma chissà quanti altri vengono rapiti dal gregge, metaforicamente o concretamente. Succede nel mio ultimo libro, dove davvero realtà e finzione si sono mescolate anche senza che io lo immaginassi. Recentemente ho letto questa frase sulla bacheca facebook di uno dei tanti amici virtuali. “se n’e’ andato, a 87 anni, l’ultimo pastore transumante di Granaglione. Un mestiere dimenticato, magico che rende liberi e schiavi allo stesso tempo. Io credo che la pastorizia sia un’ esperienza incancellabile per chiunque la viva, anche per un tempo relativamente breve. Un vissuto, il mio, per ora, confinato nella riserva dei ricordi, ma ogni giorno più teso al futuro compimento di ciò che assume i contorni di un personalissimo destino.

Come fare a spiegare a chi questo mondo non lo conosce cosa significhi la passione? Cosa voglia dire seguire il gregge, camminarci di fianco, davanti, insieme? Bisogna provarci e toccare con mano. Solo così si può capire cosa vuol dire. Provare il pascolo vagante e la vita d’alpeggio, il sole, il vento, la pioggia, la neve, la polvere… Ma non ci sono solo gli animali. La pastorizia è fatta sì di greggi, ma soprattutto ci sono loro, i pastori, gli uomini (e le donne, certo!).

E’ impossibile dividere il pastore dal suo gregge. Se è un vero pastore, se lo fa per passione, prima ci saranno sempre e comunque loro, le pecore. Anche questo è difficile da comprendere. Fare il pastore, specie se vagante, è una vera e propria scelta di vita. Non è l’unico mestiere che comporta rinunce, ve ne sono molti altri che, specie se fatti soprattutto per passione, ti modellano la vita e l’esistenza. Seguire un pastore significa molte cose… e non sempre si ha successo. Per un insieme di fattori che, come si è già detto prima, non è facile comprendere.

Di questo mestiere deve piacere tutto. A volte sembra così affascinante, all’inizio. Molti vedono i lati romantici, pittoreschi, l’aria aperta, gli animali, la montagna, la natura, ma solo quello non è la pastorizia. Altri riescono ad andare più a fondo, magari capiscono il mestiere, ma le persone restano un mistero. Il perchè di certe scelte, di certe “rinunce”, di così tanti sacrifici. Anche in questo caso, solo toccando con mano fino in fondo arrivi a comprendere. A volte scopri anche verità dolorose, ma reali e immense. Ho conosciuto tanti pastori, ma quelli che potrei definire speciali sono pochi, pochissimi.

Lungo la strada o lungo il sentiero della pastorizia, in ogni parte del mondo, incontri storie da raccontare. Storie uniche. Viste da fuori hanno un fascino anche perchè c’è comunque quel mistero che ti impedisce di comprenderle fino in fondo. Conoscere il perchè di queste scelte. Viste dall’interno, comunque restano per sempre, come scriveva l’amico che ho citato sopra.

Non giudicate il pastore, non giudicate nessuno se non lo conoscete davvero. Ed è difficile conoscere a fondo un pastore, una persona che passa più tempo in silenzio insieme ai suoi animali che non con le persone. C’è chi ti dice che, al pascolo, non fa niente, guarda le pecore… e chi invece pensa per ore, giorni… Il pastore te lo spiega, se lo vuoi seguire devi renderti conto davvero di com’è questa vita. C’è chi prova e si arrende dopo poco, altri… Ogni storia è diversa. Resta comunque il pastore, i suoi cani, il suo gregge, lo scorrere delle stagioni, le transumanze, il pascolo vagante. E tante storie da raccontare, anche se magari non verranno comprese da tutti.

Annunci

Una risposta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...