Quel giallo che non è siccità

Quest’anno non c’è il problema dell’erba. Anzi… l’erba “viene vecchia”, le greggi tribolano a pascolarla tutta, cresce, le graminacee mettono la spiga e le pecore non “puliscono” i prati come sarebbe logico all’inizio di aprile. Già, perchè sembra quasi di essere a maggio! Quell’erba che tanto serve ai pastori per alimentare le loro greggi invece infastidisce altri.

Ti sposti lungo le strade ogni giorno ed inizi ad avere gli incubi. Hai paura che qualcuno abbia buttato sostanze chimiche lungo il tuo cammino. Che si tratti di strade tra i campi, vie tra le case, strade di grande traffico, a questa stagione incombe il pericolo dei disseccanti/diserbanti. Le pecore, mentre si spostano, qualche boccone qua e là lo brucano sempre.

Quando vedi la fascia già secca, ormai non c’è quasi più pericolo. Il problema è transitare dove quei prodotti sono stati gettati da poco: non hanno ancora avuto effetto e l’erba pare verde. Le pecore (ma anche le vacche) brucano e dopo succede l’irreparabile. Vedi un animale che sta male, guarda fisso, non mangia. Alcuni abortiscono, altri deperiscono per mesi, altri ancora muoiono dopo poche ore.

E così, la primavera degli alberi in fiore, del pericolo scongiurato di dover fermare le pecore, del dover interrompere il pascolo vagante perchè non c’è erba a sufficienza… ha anche lei i suoi lati negativi. Ma questo accade solo per colpa dell’uomo. L’uomo che non usa più la falce, l’uomo che non ha più bisogno di ogni singolo ciuffo d’erba, ma vede “erbacce” che disturbano il suo vigneto, il suo frutteto, l’orto o anche solo il cortile o lo spazio davanti al cancello.

Io, a prescindere dal discorso legato all’allevamento, mai e poi mai getterei queste sostanze chimiche al piede del melo di cui poi mangerò i frutti! Meno che meno nel cortile dove gira il mio cane o dei bambini giocano liberamente! Di questo problema avevo già parlato in passato e, addirittura dagli uffici della Provincia, mi avevano risposto che sono prodotti innocui. Sta di fatto che, se una pecora bruca erba trattata con disseccanti, ne patisce conseguenze più o meno gravi. Ma tanto questo non interessa a nessuno e quindi si continuano ad impiegare tanto nell’orto famigliare quanto nella grande produzione agricola.

Annunci

Una risposta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...