Costolette di castrato croccanti al sesamo

Menù di Pasqua? Per chi consuma carne ovicaprina solo in questo evento… certo. Ma altrimenti è un piatto appetitoso per qualsiasi situazione. Il castrato è un agnellone pesante che è stato appunto castrato (lo sapete, non si possono tenere troppi maschi e soprattutto non tutti i maschi in un allevamento); la sua carne è tenera, succulenta e senza l’odore più marcato che invece contraddistingue il montone.

La stessa ricetta però può essere preparata con costolette di agnello riducendo i tempi di cottura in funzione dello spessore e della maggiore tenerezza della carne di animale più giovane. Ricordatevi però… scegliete sempre carne italiana per avere maggiori garanzie e per aiutare la pastorizia locale a non scomparire.

Costolette di castrato croccanti al sesamo

Per 2 persone:

4(6) costolette di castrato, 1 uovo, farina, grissini senza grassi (al sesamo o normali, in questo caso procuratevi anche dei semi di sesamo), olio evo, burro, sale

Battete leggermente la carne, tagliate le pellicine esterne in più punti per far sì che non si arricci nella cottura, passatela nella farina, nell’uovo sbattuto e infine impanatela con i grissini sbriciolati non troppo finemente. Se non avete i grissini al sesamo (come me), mescolate alla panatura dei semi di sesamo sfusi. Mettete a scaldare la padella per friggere (io ho usato il wok) con olio e burro, adagiatevi le costolette e fatele dorare da entrambi i lati. Il tempo di cottura varia a seconda della carne scelta. Per l’agnello possono essere sufficienti 3-4 minuti, qualche minuto in più per il castrato. Toglietele dalla padella, scolatele dal grasso sulla carta assorbente, salate e servite caldissime, con un contorno di insalata.

Annunci

  1. Ci fai venire l’acquolina in bocca…
    la carne di castrato è la migliore tra quelle ovine… peccato che da noi è praticamente introvabile… secondo me è anche meglio del bue.
    Se lo fai alla brace poi…

  2. io ho la fortuna di allevarmelo: un agnello e almeno tre capretti.
    Questa ricetta la provero sicuramente con le braciole di capra… non vedo l’ora

    Andrea (quasipastore)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...