Se gli antenati fossero rimasti in Svizzera…

Ancora un incontro con un giovane, questa volta si tratta di Domenico (1984), margaro, figlio e nipote di margari. Arrivo alla sua cascina su suggerimento di un “lontano cugino” che, ispirato dalle storie che ho via via raccontato qui in anteprima, va a fargli visita e gli racconta di questo progetto. Domenico è interessato e allora vado a fare due chiacchiere anche con lui.

Prima mi accompagna a vedere gli animali: le vacche in stalla e successivamente pecore e capre, che il papà sta per portare al pascolo. Dopo andiamo in cucina, dove potrò prendere appunti. Domenico avrebbe preferito essere fotografato in alpeggio, con gli animali liberi sui pascoli, ma non posso aspettare i giorni in cui la mandria risalirà in Valle di Lanzo. “Siamo sempre saliti ai Laghi di Monastero. Su all’Alpe Costapiana, un alpeggio comunale, c’è la data 1899 scritta dal nonno di mio papà. Mio bisnonno però era stato anche in Val d’Ala e Val Soana. Siamo della frazione che porta in nostro nome a Monastero di Lanzo, ma originari della Svizzera, proprio del paese di Stabio, appena dopo il confine sul Lago. Se fossero rimasti in Svizzera forse sarebbe diverso, fare questo mestiere…“.

E anche Domenico fin dal principio, voleva fare questo lavoro. “Ho smesso in terza media, il lavoro c’era ed avevo già in mente di continuare. Il papà è stato contento, la mamma più o meno… Abbiamo vacche, capre e pecore, ma io preferisco le vacche. Sia qui che su mungiamo e facciamo tome, ma ce le vendiamo tutte noi, ai conoscenti. Il latte lo lavoro io, ho imparato in casa, il casaro era mio papà, prima, io ho imparato guardando.

La storia di Domenico è simile a quella di molti altri margari “tradizionali”. La cascina nella campagna canavesana è di proprietà, ma la vera vita è quella che si vive in alpeggio. “Non vedo l’ora di salire, patisco il caldo, la cosa più brutta di questo lavoro è quando viene il mese di maggio e fa caldo, ma non si può ancora salire. Preferisco la montagna, alla pianura.

Da poco, in stalla, è arrivata anche una Valdostana castana, che si spera potrà ben figurare nei combattimenti locali. Domenico mi racconta la transumanza, uno dei momenti più belli dell’anno. “Giù veniamo tutto a piedi, sono oltre 70 km e ci mettiamo un giorno e mezzo. Noi dobbiamo solo preoccuparci di guardare le vacche, perchè c’è la protezione civile che i scorta. Nelle Valli di Lanzo è tutto così, ci aspettano sopra a Lanzo e ci scortano fino a Mathi, così quasi tutti scendono a piedi. Con le vacche da latte scendiamo prima a fine settembre, dopo con le manze, a fine ottobre.

In stalla ci sono soprattutto vacche Barà, ma proprio a causa della transumanza così tardiva, la famiglia Stabio non ha mai condotto i propri animali alla Fiera a Luserna San Giovanni, dove si tiene la mostra proprio di questa razza. “Quest’anno sono venuto giù con 35 centimetri di neve, mi sono messo io davanti e sono sceso, ero a 1.550 m di quota. Dopo due giorni poi quella neve era già via, ma ormai…“.

“…E le pecore avevano la neve che arrivava alla pancia!“. Parliamo ancora dei giovani e del futuro. “Giovani ce ne sono ancora, più o meno della mia età, però era passato un periodo che ce n’era meno, andavano a fare altro. Qui gente che ha iniziato da zero non ne conosco, qualcosa avevano già tutti. Adesso è critica, non si sa come andrà avanti. Cambiare qualcosa no, io spero di riuscire ad andare avanti così. Difficoltà oggi ce ne sono tante, star dietro a tutto è dura. Le vacche adesso sono a mio nome, ma i contributi per la montagna non me li hanno dati perchè è da poco che mi sono inserito. Lo dicono solo, che aiutano i giovani!“.

Annunci

Una risposta

  1. ciao mi chiamo fabio e sono un ragazzo di 23 anni della calabria abito in un paese di montagna ho e sono un appassionato di anima ,capre soprattutto di cui ne o comprate alcune in piemonte, cmq mi fa piacere sapere che ci sono altri giovani appassionati come me ……ciao e buona fortuna–

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...