D'estate, sui pascoli

In queste gelide giornate invernali, quando molti pastori stanno faticando tra ghiaccio e neve (vedrete poi le foto che ho scattato ieri), voglio regalarvi un sogno rivolto alla prossima stagione di alpeggio. E' ancora presto per pensarci? Ma tanto passerà poi anche l'inverno e, fortunatamente, tornerà il momento per prepararsi alla transumanza!

Queste foto me le aveva mandate l'amico Silvio che, con Tiziana, quest'estate era andato a fare una gita in Val Maira. Posti che conosco molto bene… Alpeggi con mandrie immense!

Ottimi pascoli, fioriture multicolori, quelle che si dicono delle "belle montagne".

Certo, in alto ci sono rocce e pendii ripidi… ma molto in alto! Altrimenti sono posti dove tutti i marghè sognerebbero di andare.

Non tutte le baite sono propriamente delle ville, purtroppo! Anche se da queste parti la gran parte degli alpeggi è stata sistemata anche grazie alle strade che raggiungono gli alpeggi, ci sono ancora delle eccezioni. Si spera che poco per volta vengano date condizioni di vita civile a tutti quelli che fanno questo difficile mestiere, specialmente dove gli alpeggi sono di proprietà pubblica.

La maggior parte degli animali su di qui (come un po' in tutte le vallate cuneesi) sono vacche bianche, Piemontesi.

Per "deformazione professionale", Silvio fotografava le campane… E gli veniva in mente che, proprio quel giorno, c'era la "Festa del Rudun" a Salza! Che imperdonabile dimenticanza… Vista però la bella giornata, meritava salire su al Col Maurin.

C'è stato anche qualche incontro ravvicinato con un cavallo.

Grazie ancora a Silvio e Tiziana per le foto. Ne ho ancora molte altre da pubblicare, sempre ricevute da loro… In questa, ahimè, si vede anche come un'errata gestione dei pascoli possa portare a dei problemi, come i marcati sentieramenti che conducono alla baita. Gli alpeggi devono essere utilizzati e non abbandonati, ma con un numero adatto di animali, gestiti e movimentati correttamente.

  1. grazie per le belle foto; conosco la zona e i le persone che conducono quelle mucche fino a lassu'.
    la montagna senza i margari e le mucche e' morta ma senza lucro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...