Un mattino, dalla finestra di casa

Capita di vedere greggi, così, quasi per caso. Capita, a quanto sembra, specialmente agli amici di questo blog… Scherzi a parte, è sempre più facile che chi ha in qualche modo a che fare con la pastorizia, passi da queste parti. Nei prossimi giorni vi "presenterò" dei nuovi amici che leggevano queste pagine da tempo e che finalmente si sono rivelati con un’e-mail.

Iniziamo con Daniele del Ranch Sette Poiane. Anche lui ha visto un gregge e non si è lasciato scappare l’occasione di fotografarlo, per poi condividere con noi le sue emozioni.

Adesso lascio parlare lui e le sue immagini. "12 Novembre una mattina dell’estate di San Martino, una luce spettacolare, sono le 8:00, e per questa volta mi sono svegliato tardi, ho l’influenza". Però fuori c’è qualcosa, o meglio, qualcuno!

"Sono ancora nel letto quando la mia ragazza mi dice che ci sono le pecore in giardino, niente di meglio! Al posto dell’ufficio stamattina faccio 2 chiacchiere con il pastore. Ne avevo bisogno…"

"Mi affaccio alla finestra e scatto qualche foto in lontananza e mi diverto a vedere i cani che conducono come se la cavano… sono 3 piu’ il solito maremmano grande e grosso. Mentre la mia morosa urla perchè non posso uscire che ho la febbre, apro la finestra per qualche scatto migliore….intanto il pastore si avvicina con il gregge , lo conosco è sardo."

"Esco, lascio la macchina fotografica alla mia morosa, (perche’ è lei la fotografa) e faccio un fischio al pastore che mi saluta e si avvicina alla casa… Così inizio a conversare con il pastore che a prima vista con il cappuccio in testa non mi aveva riconosciuto, gli chiedo come sta andando il pascolo e mi dice che và molto bene per il momento, la medica è abbondante e nessun si lamenta del suo passaggio "ormai sono tanti anni che pacolo in questa zona e conosco tutti" … Poi gli chiedo se era al corrente che alcuni comuni stanno vietando il pascolo vagante, mi risponde  "e tu come fai a saperlo?" così gli spiego di questo blog e del mio interesse per queste cose. Dice che in Sardegna già da tempo non puoi uscire con il gregge dal tuo comune ed anche qui che siamo in provincia di Rimini."

"Gli agnelli sono tutti in stalla le pecore continuano a partorire e vengono portate via con i piccoli, troppe strade vicino ai prati…"

"Guardo il gregge è propio bello, sembrano dorate sotto la luce, altre volte completamente bianche, una nera e bianca prova a bere nella bicchierola dei cavalli, ma c’e’ il filo elettrico ed è dura…"

"Poi dopo un po’ ci salutiamo è freddo meglio rientrare, ci auguriamo buona giornata… Ecco questa piccola storiella in una mattina d’autunno…". Che dire, ringraziamo Daniele dalle colline riminesi per la bella testimonianza e le foto (sue & della morosa!).

  1.  Ciao, Blacksheep. La prossima settimana ordino il libro (non vedo l’ora). Si parla di te su raglio.com, altro sito che seguo da tanto. Che bello, i miei siti preferiti si "incontrano"!
    A presto, allora.
    Nico(letta)

  2. @daniele: grazie a te!
    @serpillo: qui è tutto un lavoro di gruppo
    @carla: sono felice che tu possa passare qui ogni tanto a "rilassarti" 🙂
    @nicoletta: che combinazione!
    @angelopas: grazie della segnalazione (che mi è arrivata anche da altri amici), prossimamente ne parlo in un post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...