L'erba invecchia

C’è chi si lamenta, perchè l’erba è ancora troppo bassa. Quelli che hanno tardato a salire, perchè il pascolo era insufficiente per gli animali. Quelli che ancora devono salire. E poi quelli che sono saliti più presto di altri, ma comunque "in ritardo" rispetto agli scorsi anni. E si lamentano pure loro!

L’erba infatti è già "troppo vecchia", alta quasi più della schiena delle pecore, dura, legnosa. Gli animali ne pascolano solo una piccola parte, sprecandone grandi quantità. Certo, non si può essere ovunque contemporaneamente, così è stata data una priorità a certe zone di pascolo, poi si procede man mano, ma la quota è ancora all’incirca quella di più di un mese fa, quando il gregge è arrivato quassù.

Fa caldo anche in montagna, l’aria verso il fondovalle è torbida, il sole brucia le spalle, il viso, presto bisognerà condurre il gregge verso un pascolo con più ombra, o gli animali smetteranno di mangiare. Il bosco è lì accanto, ma sarebbe meglio essere già più su, a quote maggiori, dove i pascoli sono in fiore.

Qui, specialmente sui dossi, l’erba sta ingiallendo e presto seccherà completamente, anche se periodicamente c’è qualche temporale. "Si poteva salire anche due settimane prima! C’è ancora il vallone di là da pascolare prima di salire in alto… Chissà che erbaccia che c’è, ormai!". Il gregge lentamente inverte la direzione e punta verso il bosco, rendendo difficile il suo controllo. Ci saranno tutte, le pecore, o qualche gruppetto sarà rimasto indietro?

Mi affretto a fotografare alcuni ciuffi di Stipa pennata, un’erba dalla caratteristica infiorescenza, delicata e sinuosa, che si piega nella leggera brezza. "Bella porcheria, quella! Le pecore non la mangiano, adesso che poi è spigata, ancora meno. E’ tutta erba vecchia, qui…". Il coro di belati si allontana nel bosco, alla ricerca di qualche radura più fresca, dove trovare erba migliore per il pascolo, in attesa di quella corta, ma saporita, che incontrerà sui pendii e sulle creste di qui a qualche settimana.

  1. @john: sì, e quello tiene anche conto degli inverni normali e di quelli anomali? degli imprevisti a casa dei pastori? della disponibilità dei camion per salire in montagna? lascia perdere,che è meglio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...