Più che altro foto

Visto che c’era già tanto da leggere nel secondo post che ho messo ieri, vi lascio prima di una nuova partenza verso i monti con un bel po’ di foto che vengono da varie parti d’Italia e non solo (come sempre, grazie ai nostri inviati, vecchi e nuovi!).

Questo bel becco barbuto e senza corna ce lo manda Enzo dalla Valle Po, Alpe Tartarea.

Qui invece le corna ci sono eccome! E’ uno dei "famosi" becchi di Giovanni Vacchiero, il pastore della Valchiusella. Le foto sono di Giacomo.

Ecco un altro becco e delle capre sullo sfondo. Purtroppo a guardia del gregge da parecchi giorni non c’è il solito pastore…

Le pecore sono sotto la sorveglianza di Leo, il fratello di Giovanni, o della moglie Elsa, che per settimane ha fatto la spola tra il letto d’ospedale dove si trovava suo marito ed i pascoli. L’ho appena sentito, Giovanni, stava per andare ad una visita di controllo e mi ha detto che mi aveva vista ieri mattina "…in televisione, su Telecupole, eri su di là a Bellino…". Ci siamo salutati con la speranza di rivederci in alpeggio, ma prima deve tornare in salute per evitare ricadute!

Giacomo mi manda ancora la foto dei piccoli Antonio e Giacomo, che trascorrono l’estate con i genitori ed i nonni in alpeggio, una piccola mandria, qualche pecora e capra. Qui sono alle prese con i compiti delle vacanze!

Nuovi amici: ho contattato Paola dopo aver scoperto i suoi video su youtube e mi ha spiegato che li aveva messi per far vedere ai figli dei suoi aiutanti romeni l’azienda ed il prezioso lavoro che i loro genitori svolgono. Questa è un’azienda dove vengono allevate pecore Sarde.

Ci troviamo nelle Marche, ai piedi dei Monti Sibillini, dove una Veneziana ed un Bolzanino dall’87 hanno quest’azienda biologica che produce formaggi ed olio.

Ecco in ultimo una panoramica della stalla e delle altre strutture aziendali (sala di mungitura). Buon lavoro, amici!

Non poteva non pensare a me Francesca in vacanza in Francia… specialmente quando ha visto questi souvenir!

Poi si è ricordata anche del "concorso dei cartelli pastorali", e qui si parla di alpeggi poco sotto il Colle dell’Agnello (o Col de St. Veran, secondo la dicitura francese).

Dalle parti del Colle della Bonette, con un buon zoom ha poi immortalato questo gregge che si sta recando al pascolo insieme al pastore. E brava la nostra inviata Mosco!!

Una presenza fissa della rubrica dedicata alle foto degli amici è Mauro, che si è recato per noi alla Festa del Rudun a Salza.

Che esposizione di campanacci, rudun provenzali per le pecore, rudun e campane per le vacche…!!

Una festa per gli appassionati, un qualcosa di insolito per i turisti di passaggio. Chissà poi com’era questo concerto dei campanari bergamaschi

Ancora un campanaccio decorato, gli allevatori ed i collezionisti hanno esposto i loro pezzi migliori.

Conludiamo facendo pubblicità alla mostra "un Giorno lungo un anno" di Giancarlo Rado, di cui già in passato vi avevo segnalato le bellissime fotografie dedicate al mondo del pascolo vagante in Trentino.

Amici di ritorno dalle ferie, buona lettura dei post che vi siete persi. Ci risentiamo tra qualche giorno, come sempre aspetto i vostri contributi per il blog.

  1. Cara Marzia,
    scrivo solo per manifestare la mia presenza ed un affettuoso saluto. Ti seguo costantemente, sebbene solo per sognare. Quel che per te è prassi costante, per me è pura teoria, dai boschi alle greggi e dai corsi d’acqua alle cime innevate.
    Buon ferragosto.
    Ciao. Ipo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...