Prima di parlare…

Vorrei commentare qui con voi due cose d’attualità, che pur riguardando un po’ tutti, sono anche “di stretta pertinenza” con questo blog. Niente di nuovo, parole già fatte e già dette, però… Avevo voglia comunque di dire la mia.

Iniziamo con questo video andato in onda un paio di sere fa su Striscia la Notizia. Non è la prima volta che ho un senso di fastidio durante i servizi di questo “amico degli animali” e sempre più spesso lo sento citare in bocca alla gente comune, quelli che prendono per oro colato quello che si vede in TV e non applicano minimamente senso critico e ragionamenti. Insomma, ho un po’ l’impressione che questi servizi di denuncia stiano facendo male alla categoria degli allevatori. A pagarne le spese sono sempre più gli onesti e corretti che non quelle “pecore nere” che invece sarebbero decisamente da colpire e denunciare! Comunque, tornando al servizio realizzato qui vicino, in Val Chisone, ad Inverso Pinasca, voi cosa ne pensate? Prima cosa, come mai la troupe entra indisturbata nelle camere senza la presenza dei proprietari? Erano accompagnati dalle forze dell’ordine con un mandato? Io se entrassi in un prato con il gregge senza il permesso del proprietario potrei prendermi una denuncia per pascolo abusivo, che se non sbaglio è reato penale… E poi tutto il servizio era sullo stato in cui erano tenuti gli animali. Niente da dire, la situazione era inaccettabile, cani ovunque, condizioni igieniche disastrose, bestie sempre rinchiuse (anche se apparentemente alimentate a sufficienza, tranne quella vacca di cui si mostrava la magrezza), mai messe al pascolo. Non ho visto gli orecchini alla capra (ditelo, a Stoppa, che non è un ovino!!!!!) e non sono riuscita a vederli ai bovini… Ma non credo che l’allevamento sia interamente abusivo. Però a me hanno fatto pena le persone. Premetto che non li conosco, ma so per certo che esistono tra valli, colline e pianure numerose situazioni simili. A differenza di altri servizi analoghi, in cui il detentore degli animali aggrediva la troupe, questi due mi hanno fatto veramente una gran pena. Per loro probabilmente gli animali non erano mal tenuti e sono sicura che, a modo loro, li curano amorevolmente. Solo che ci troviamo in una situazione di grave degrado sociale ed è impossibile che nessuno la conoscesse. E’ giusto denunciare queste persone per maltrattamento degli animali? Non sarebbe più giusto andare a cercare chi ha lasciato “all’abbandono” le persone?

Veniamo ad altro. Sempre per fare disinformazione o cattiva informazione sul mondo dell’allevamento… Ogni anno (ed infatti quest’immagine è del 2011, anche se su Facebook ha ripreso a circolare) sotto Pasqua iniziano le campagne di vegetariani e vegani contro la macellazione degli agnelli. Non discuto, si può essere contrari o d’accordo alla macellazione (di tutti gli animali) ed al consumo di carne. Ma fare campagne propagandistiche che mirano a raggiungere il maggior numero di persone ignoranti e facilmente impressionabili, campagne a base di assurde falsità è da denuncia. Quella roba che ho inserito sopra è diffamazione nei confronti degli allevatori, dei macellai e dei veterinari.

Siamo in Italia e la carne d’agnello italiana che viene venduta sui banchi dei macellai non è imbottita di medicinali (ogni bestia condotta al macello non deve essere stata sottoposta a terapie mediche di alcun tipo), non è stata ammassata sui camion senza acqua ne cibo e la macellazione non avviene in quello strano modo descritto sopra. L’animale viene prima stordito e poi dissanguato. I controlli ci sono. Per chi è contrario, le cose non cambiano. Ma abbiate almeno la correttezza di dire le cose come stanno. Fate uguali campagne per i polli ed i maiali, se proprio lo volete. Oppure state zitti, che si fa più bella figura. Prima di parlare bisognerebbe almeno documentarsi, a meno che volutamente si voglia fare disinformazione ed audience. Voi che ne dite?

About these ads

    • …illuso… prenditi la briga di scoprire quanti esseri viventi animali o vegetali uccidono ogni giorno per garantirti il tuo tenore di vita… quanti km di foreste persi… quanti habitat in fumo… quanti animali uccisi per prodotti alimentari, profumi, vestiti. Basta con questa ipocrisia di fondo! Ogni specie lascia un’impronta ecologica. Tutte. Ogni specie compete con altre per la propria sopravvivenza. Il segreto è l’equilibrio. Tra la mia sopravvivenza e quella di un’altro. Tra una specie e l’altra. Come esseri umani non illudiamoci di poter stare fuori da questo gioco. Piuttosto pensiamo a come minimizzare la nostra enorme impronta. Magari cercando di essere sobri nei nostri “bisogni”. Se poi vogliamo vivere nella favola allora continuiamo a far finta di niente, a girarci dall’altra parte. Così saremo a posto con la nostra coscienza.

  1. Marzia… ma lascia perdere la televisione italiana… Capisco ancora quella privata, con le sue logiche demenziali, ma quella pubblica, la RAI, che è di tutti noi (ma lo sanno gli italiani?) e che dovrebbe fornire un servizio pubblico (come lo è la sanità, la magistratura, l’istruzione, ecc…) non FA NIENTE per tentare di innalzare il livello medio del sapere degli italiani che, correggimi se sbaglio, è da terzo mondo, se non peggio.

    La montagna, la nostra grande ricchezza, anche grazie agli uomini che ci vivono e ci lavorano, non esiste se non quando nevica o quando non nevica.

    Siamo dei poveretti e purtroppo abbiamo i politici che ci meritiamo.

  2. …il servizio di “striscia” è vergognoso, la devono SMETTERE di far del terrorismo su ogni cosa, soprattutto dove non sanno ! Ammetto che i locali erano vecchi e sporchi, ma chi capisce qualcosa di animali non può dire certe bestialità. Le crave sono belle rotonde e quindi in salute e sfamate a sufficienza, idem le vacche, alcune hanno persin le gnoche di grasso dietro, idem i cani. Se fossero maltrattati non farebbero tutte ste feste al padrone ed alla troupe televisiva….i cani che stan male hanno un altro sguardo, son magri e col pelo brutto, i cani in molti canili stanno MOLTO peggio di questi….le questioni sulle vacche legate,….ma si rendono conto che quella è una stalla vecchia ??? é vero hanno le unghie lunghe, ma non tutti hanno i prati vicini all’azienda e quindi non le possono pascolare, magari se non avessero costruito tutte quelle case, strade, capannoni anche i proprietari potrebbero pascolarle e le vacche non avrebbero più le unghie lunghe. Comunque siamo in Italia ed anche questo servizio ce lo dimostra…chi dovrebbe guardare, in questo caso il benessere animale, non sa nemmeno di cosa sta parlando, avesse una cultura agricola, certe cose le saprebbe e non avrebbe partecipato ad un (DIS)servizio simile!

  3. Cara Marzia, è da molto tempo che non guardo più “Striscia” perchè non mi piace come tratta gli argomenti, di qualsiasi genere. So peraltro che molti la prendono come oro colato, quando mi capita di sentirne parlare cerco di spiegare il modo di vedere. Sempre più la TV pubblica e privata cercano, non di informare ma di emozionare e questo è il peggior servizio che possano fare.
    Quando devo denunciare qualche cosa lo fanno nel modo più lacrimevole possibile e anche subdolo, fanno pena gli animali, e gli uomini?..
    Per quanto riguarda la carne inizierei a fare buona informazione dalla scuola
    elementare, farei vedere le pecore e gli agnellini appena nati, ma poi spiegherei che l’uomo è una specie onnivora e, come mangia il pollo, il prosciutto, la sogliola, che magari ai bimbi piacciono molto, così può mangiare l’agnello o il capretto.
    Poi ci sono i vegetariani o addirittura i vegani, ma per fortuna, per ora, c’è libertà di scelta e di pensiero…
    Buona Pasqua con tutti i tuoi animali.

  4. Ciao Marzia, mi trovo in pieno accordo con te, Negritella e Daniele.
    Non ho visto il video di striscia ma per quanto riguarda la campagna propagandistica contro la macellazione dei capretti e degli agnelli non ho parole….mi ero gia espressa come replica a un commento nel tuo articolo riguardante la ricetta dell’agnello ma questa epigrafe…supera ogni limite…e poi fanno così gli intelligentoni che nemmeno pensano ad usare le date corrette: non si uccide un animale per mangiarlo il giorno stesso!
    Che aggiungere….bastava guardare la prova del cuoco qualche giorno fa: il macellaio Fracassi ha mostrato 3 polli: uno enorme e dalle carni bianchissime, gli altri due più piccoli e dalle carni rosate; la differenza? Il primo e’ stato allevato in gabbia in 45 giorni, gli altri avevano 3 e 6 mesi allevati all’aperto….ma ovviamente la gente non capisce….meglio un pollo che cuoce in 10 minuti che uno che cuoce in 2 ore vero? Gia perché non ci pensano che il primo e’ pompato! Sono davvero indignata da questa campagna! E poi magari, chi scrive queste epigrafi e’ uno di coloro che abbandona il cane per farsi una vacanza…

  5. Marzia,
    ti fa molto onore quello che hai scritto, anche se molto scomodo. Come tutti ,anch’io per un certo periodo ho pensato che l’unica controinformazione valida fosse quella di Striscia o delle Jene. Oggi non è più così ed anche se molte denunce le fanno ancora, però entrambi i programmi a mio parere sono andati in overload di successo e quando questo accade è facile esagerare. Peggio ,diciamo che potrebbe venire in mente a qualcuno di costruire servizi scandalistici che abbiano un forte impatto emotivo. E purtroppo gli italiani sono un popolo dagli innamoramenti facili ( basti pensare in un altro campo a cosa ha portato il referendum del 93 con l’87% dei si per abrogare proporzionale e preferenze) . Gli innamoramenti poi passano ma i danni restano. Il guaio è che nel campo della natura e dell’ambiente spesso anche i tecnici e gli uomini di scienza a volte sparana caz….te stratosferiche , come quella che il peso totale dei bovini sulla Terra e i gas tossici emanati dal letame che producono sono la causa principale dell’effetto serra . Ovviamente concordo appieno con i commenti di Cristina e di Negritella.

  6. aggiungo una cosa importante : nell’articolo si dice testualmente : Siamo in Italia e la carne d’agnello italiana che viene venduta sui banchi dei macellai non è imbottita di medicinali (ogni bestia condotta al macello non deve essere stata sottoposta a terapie mediche di alcun tipo), non è stata ammassata sui camion senza acqua ne cibo e la macellazione non avviene in quello strano modo descritto sopra. L’animale viene prima stordito e poi dissanguato. I controlli ci sono. Questo è verissimo per le carni italiane ma per i Tir che arrivano dall’estero , soprattutto dall’ est Europa non sempre vi sono le medesime garanzie. Per cui noi abbiamo il danno e le beffe: gli allevatori nostrani vedono scemare sempre di più il loro reddito ed i consumatori ci perdono in qualità .
    Va bene essere moderni , globalizzati, integrati, riformatori, etc. però un pò di sane regole e un pò di sana protezione per i nostri prodotti andrebbe fatta. Per le menti pure : pensate che altri Paesi non pongano barriere ? Illusi, non solo la Francia sciovinista ma anche la Cina , si la modernissima Cina , fabbrica del mondo , lo fa. Ma lo sapete che i pallets di merce che noi esportiamo in Cina devono essere solo di plastica oppure essere fumigati con una operazione costosissima, questo per evitare di portare in quel paese parassiti , insetti o batteri dannosi alle piante ed agli animali. E noi che facciamo?, Nulla , Riflettiamoci

    • per non rischiar di mangiare carne dicui non sappiam la provenienza dovrem cominciar a comprare carni,ma anche verdure,frutta ,latte,ecc direttamente dai produttori sempre che le leggi italiane non mettan troppi ostacoli alle filiere corte…buon cibo,garantito e a costi magari anche più ridotti.E così si può migliorare anche la situazione di chi produce,alleva…

      • Giustissimo, nel mio piccolo cerco di farlo.. e di diffonderlo nel piccolo territorio dove vivo.

        per ricollegarsi all’altra parte della discussione invece
        … infatti non comprerei mai carne da un allevamento stile “striscia la notizia” e l’allevatore morirebbe presto di fame. la giusta fine per un simile bastardo.
        fanno servizi dove ci sono bestie che pesano meno di me… è mai possibile?
        catene di 50 cm, sterco fino alle ginocchia, cani ovunque (sterilizzarli è gratis per certi ceppi di tirchi piagnucoloni …..)

        Fanno molto bene a denunciare queste cose, ma qui non stiamo parlando di pastori (per definizione gente nobile), stiamo parlando di gente con seri problemi psichici; che dovrebbe essere presa e gli si deve portare via terre, immobili e mobili, e rinchiuderla.

        Quindi non sono molto d’accordo con chi dice che dovrebbero smetterla di fare certi servizi. Non era contro di voi il servizio: era contro un demente che non deve e non può lavorare in quel modo.
        Se non ha la possibilità di portare le bestie al pascolo si metta a pulire camini, o fare qualche altro lavoro.. (il problema è che a uno così chi gli da un lavoro… ?)

      • pier, non sono d’accordo con te. quella gente non maltrattano “volontariamente” gli animali. chi ha lasciato vacche crepare di fame nella stalla o in montagna è un delinquente. quelli del video da mangiare ne davano, solo che loro per primi non sanno cos’è il vivere civile ed immagino che abitino in condizioni simili a quelle degli animali che allevavano.
        devono essere seguiti dai servizi sociali e dai veterinari (anche questi ultimi, possibile che nessuno sapesse?? ogni tanto si sente di multe a chi ha quasi tutto a posto e qui invece… boh?).
        il problema di questi servizi è che non si spiegano a sufficienza le cose e la gente poi fa di tutta l’erba un fascio, quindi a “pagarne le spese” sono quelli che lavorano correttamente. come per l’influenza aviaria… si fa terrorismo, la gente si spaventa/indigna/preoccupa e vede mostri e pericoli anche dove non ci sono

    • giustissima riflessione, beppe!
      e poi… in questi tempi di crisi e costi spropositati dai trasporti, a me viene da domandarmi se a pasqua costerà meno l’agnello nostrano o, come sempre, sarà più “conveniente” quello che arriva da chissà dove????

      • Cara black sheep Io invece sono d’accordo con te!
        Quanto emerge da questo video nello specifico non è un caso estremo di maltrattamento su animali, non nel caso di animali di grossa taglia che si vedono. Sui cani avrei qualche grossa riserva. Emerge una situazione di degrado e abbandono caratterizzata da eccessiva ingenuità ed ignoranza, presumibilmente una situazione di stupidismo in senso medico.

        Tu dici che non è intenzionale e che è un modo di fare peculiare e deviato di questi specifici signori. Certamente è brava gente, molto semplice, fino a scoprirsi con qualche complesso intellettivo in difetto. Così sempliciotti da tenere comportamenti degenerativi, poi dannosi per se stessi e per gli animali su cui hanno responsabilità. Sono inopportuni per l’ambiente, per gli animali, deleteri per l’intero settore perché con i loro comportamenti “semplici” degradano e tengono su standard da terzo mondo.

        Il veterinario di zona non fa nulla, l’USL non fa nulla, i vicini non fanno nulla.
        Blacky, allora a chi la diamo la colpa? A loro non si può dare, praticamente sono incapaci di intendere e di volere, pare.
        Diamo piuttosto il merito a “striscia” che ha lanciato in modo anonimo il problema.
        Nemmeno io avrei avuto il coraggio di denunciarli: viviamo fra ladri, stupratori, tossicodipendenti, politici indagati che scrivono le leggi che la gente non indagata deve poi rispettare.

        Il mio intervento precedente di grave critica è contro chi critica gratuitamente i servizi di “striscia” e dice “non deve mettere il naso dove non sa”:
        ho visto anche da poco il servizio su un allevatore di cuneo o giù di là: le vacche in africa sono più grasse, condizioni da incubo.. davvero. Da spezzare il cuore. E lui vende la carne, e noi la mangiamo (io no, non ne compro), lui ci guadagna.
        Striscia fa un gran servizio.

        Generalizzare è da stupidi, sempre.

        Restrizioni e censure più l’impronta sottile e persistente dei partiti per la continua ricerca di consenso elettorale sono in tutti i canali e tutti i programmi che si guardano, e in ogni giornale che si legge, in ogni colore di ogni sito, nei vestiti e nei sorrisi, nelle insegne dei negozi, nell’aria. Soprattutto dove meno si crede, quindi anche in “striscia” e certamente in modo ponderoso.
        Io neanche lo vedo “striscia”, la TV non rientra nelle mie preminenze esistenziali!
        A volte denunciano situazioni che il povero Cristo non può combattere da solo in questa società di burocrati deviati impegnati a crepare giorno dopo giorno senza rendersi conto dell’amore per le piccole cose, questi immani don Chisciotte creperanno nudi di fronte a dio come tutte le altre mosche ma non avranno conosciuto in vita loro amore e penitenza, compassione e partecipazione.
        Quando striscia denuncia falsi guaritori, presunti maghi, spazi abbandonati, allevatori tralignati, fa carità alle persone ingenue.

        Per questo cara blacksheep l’articolo non è completo e sincero, come l’altro che ti contestavo, bonariamente e con rispetto (sui lupi): sei una scrittrice saggia e piacevole, scrivi la “verità”, ma sbagli i titoli e non pensi abbastanza a tutte le conseguenze.
        Critico sempre per costruire e mai per distruggere, un abbraccio.
        Pier

    • libera di scegliere, ma ci sono tanti altri che la mangiano ed è giusto pretendere che gli animali siano allevati nel migliore dei modi. non è giusto generalizzare e nemmeno mettere alla gogna dei poveracci come quelli del video

  7. Che dire..sul servizio di striscia..parlare di maltrattamenti mi sembra tanto,condizioni igieniche discutibili e locali non idonei,questo è vero,ma quel che mi domando sempre in questi casi:le autorità competenti non san mai nulla???Venitemi a dire che in un paese piccolo come quello,l’asl,il comune,o gli stessi vigili non sanno niente..perchè mettere al muro queste persone,invece di far richiami o avvertimenti e se poi loro continuano,allora ok la sanzione,ma buttarli in pasto ai media,come se fossero criminali, mi sembra esagerato..
    Mentre il manifesto mortuario dell’agnello..solo un idiota poteva crearlo e chi ci crede è idiota due volte di più..
    Non c’è nulla di vero in ciò che è scritto,dall’imbottimento di farmaci all’ammassamento sui camion etc etc..chi è del mestiere sà bene che non si scappa alle regole ferree sul trasporto,macellazione e altro..il problema è che ai “non addetti ai lavori” vien detto di tutto e tutto si bevono..
    Manca informazione,una giusta informazione!!Ai vegetariani,vegani e carnivori compresi..

  8. e propio vero io subito appena visto il video passato inonda da striscia la notizia non ci o fatto caso poi pero riguardandolo o notato che ai propio ragione e questo fa sorgere propio alcune idee

  9. E’ evidente che anche Striscia, che comunque mi piaceva perchè dava notizie che nessun’altro si prendeva la briga di divulgare, pur di fare ascolti non esita a calpestare non importa chi non importa cosa… Ma povere persone… che vivono in quel modo con i loro animali… Non è certo maltrattamento, solo povera ignoranza.

  10. Ormai si vive di scandali, scoperte dell’acqua calda ed escalation mediatiche. Non ci bastano più i problemi dell’euro, o sono talmente enromi che non riusciamo a capirli? e allora concentriamoci sugli animali maltrattati o sugli agnelli macellati per Pasqua… Ormai la TV e certi social network come Facebook stanno diventando il circo delle vanità e vetrine per chi non ha nulla di meglio da fare che mettersi in mostra. Va bene la denuncia, ma che sia circostanziata e motivata e non punti solo ad epater le bourgeois. Sul video di Striscia mi chiedo anch’io chi ha dato il permesso alla troupe di entrare, filmare, commentare: i proprietari, le persone riprese? Purtroppo – apro e chiudo la parentesi – esiste anche un sottile e malato desiderio masochistico di apparire, esserci, partecipare al gioco mediatico, per perverso che sia.
    Gp

  11. Vediamo: parlo io che questi signiori li conosco.
    L’allevatrice si chiama Manuela Costantino (cognome del marito). si tratta di persona non cattive, ma sicuramente con seri problemi psichici e di degrado.
    La storia in breve: la cascina apparteneva ai genitori del marito della signora , una quindicina di anni fa la vecchia madre morì, investita da una vettura davanti a casa sua, qualche anno dopo il padre cadde da un balcone nel medesimo fabbricato e morì, in condizioni che vennero archiviate come incidente, ma che la gente del posto ha sempre guardato con sospetto. Non è un segreto che in qualla casa comandi la moglie, anche a suon di scapaccioni, pure il marito le prende, lo sanno davvero tutti in paese, ma tutti come sempre stanno zitti. I due hanno un figlio che ora frequanta una ragazza che distribuisce già sganassoni a tutti gli altri. Gli animali sono solo la punta di un iceberg di degrado del quale nel paese tutti sono a conoscenza. Le mucche l’orecchimo ce l’hanno eccome e pare proprio che anche l’asl ed i suoi veterineri avranno qualche problema di co responsabilità in questa vicenda. Succede che arriva un vicino nuovo che sporge denuncia, ma non lo considerano, allora il tizio si rivolge a Striscia, trasmissione tanto efficace quanto demagogica. Anche a me ha stupito che la troupe entrasse nella casa, ma quel mattino sono passato con la mia auto davanti a casa loro (casualmente): vi erano due Nas vestiti come se dovessero andare a Fukushima, due carabinieri, il medico di famiglia e la tv. Probabilmente la troupe è entrata mentre i titolari dell’azienda agricola venivano intrattenuti all’esterno da cc (ma è solo un ipotesi). E’ la tipica ed ancora troppo diffusa situazione che vede una serie di co responsabilità (signifiativo che Cristina Orsello sindaco, non abbia voluto rilasciare dichiarazioni). Non sta certo a me trarre conclusioni ne fare illazioni, ma credo che la situazione fosse insostenibile e che si dovesse intervenire prima. A quel che mi è dato di sapere (e di vedere) gli animali sono stati affidati al Canile di Bibiana e la stalla è sigillata, per ora è stata elevata un’ingente contravvenzione ai signori Costantino, ma io, al posto loro coinvolgerei anche coloro che per anni hanno certificato che tutto era regolare.

  12. grazie a tutti per i vostri commenti e per la discussione. grazie specialmente ad adolfo, che ci permette di capirne di più su quel fatto.
    c’è davvero da riflettere sul perchè debbano essere trasmissioni come striscia e le iene a portare alla galla certe situazioni nel modo in cui lo fanno. in certe situazioni ben venga, ma in altre, come questa, non siamo di fronte a criminali, ma… poveracci. perchè chi di dovere non è intervenuto prima? come bisognava intervenire? penso ad un’anziana qui del mio paese… viveva in una delle tante borgate e frazioni, aveva le capre. d’inverno dormiva nella stalla con loro per stare al caldo. era benvoluta, conosciuta, una persona allegra che salutava e scambiava quattro chiacchiere quando la incontravi al pascolo. arriva gente “da fuori” a vivere nella frazione, si scandalizzano, denunciano la cosa agli assistenti sociali.
    risultato? lei portata all’ospizio, le capre non so.
    è morta poco dopo, pur non essendo malata…

  13. Ciao Marzia, tralascio ogni commento sul servizio di Striscia, la quale, come già ti dissi in altro commento, ormai non guardo più, anche se a malincuore. Solo una considerazione sulle mucche e, a parere di Stoppa, sugli “ovini” (crave): non so da voi ma, dalle mie parti fino a 10 anni fa non esisteva una sola mucca o capra non legata alla catena. Io personalmente non ho nessun animale legato (ma questo è un mio modo di vedere le cose). Tra le altre cose, se non erro, la legge consente di tenere i bovini sopra i 6 mesi legati alla catena (catene da mucche più lunghe di 50 cm io non ne ho mai viste).
    Quello che invece volevo dire a proposito degli agnelli a pasqua è che lo scorso anno su un volantino pubblicitario di un noto supermercato veniva pubblicizzato “angnello da latte metà o intero Euro 6.50/kg”. Io il giovedì mattina prima di pasqua sono stato in quel supermercato ed ovviamente sono andato a vedere come fosse possibile vendere quella merce a quel prezzo: sorpresa !!! c’era solo lo scaffale vuoto!!!! Ovvio, a quel prezzo, era andato a ruba!!!! Certo è che se io i miei agnelli li vendo al loro prezzo, mi dicono che sono un ladro. Come in molti altri settori, nel caso dei grandi si osserva tutto ma non si vede nulla. Abbiamo garanti per ogni cosa, ma cosa garantiscono? Mi stà bene tutto, vale la legge dei grandi numeri, grosse quantità, minor prezzo. Pubblicizzare un prodotto e poi non trovarlo sui banchi mi pare quantomeno scorretto. Ciao, Bruno

    • …e se lasci capre con le corna libere in una vecchia stalla, dallo spazio limitato, queste si ammazzano a suon di cornate…
      sul prezzo dell’agnello le tue riflessioni le ho fatte anch’io. il fatto di pubblicizzare per poi non trovare forse è ancora il meno. più che altro la domanda è: come fanno a venderlo a quel prezzo? da dove arriva??

      • Un mio conoscente, sposato con una ragazza rumena, mi ha detto di essere stato in vacanza in Romania e, essendo del settore, ha parlato in loco di pecore e agnelli. Mi ha riferito che gli hanno offerto Agnelli ad 1 Euro al kg, unico problema 2000 Euro di trasporto. Basta caricare 500 agnelli e i 2000 Euro diventano 4 Euro l’uno. Ovviamente il tutto avviene alla luce del sole e con tanto di fattura (quindi queste cose le sanno anche quelli che ci fanno i conti in tasca)
        Grandi numeri!!!!!!, Ciao

  14. ciao,
    io allevo capre, pecore e manzi da anni per uso familiare e per vendere a qualche amico, appena nati tutti gli animali sono bellissimi, ma gli allevo anche per essere mangiati pasqua o non pasqua,
    Ovviamento cerco di allevarli nel miglior modo, non rismarmiano su mangimi fieno e acqua, pascolando quando la stagione e il tempo lo permette. Le mie capre hanno partorito da meno di un mese, però sembrano che siano incinte ancora dalla pancia che hanno, eppure qualcuno ha avuto il coraggio di fare una denuncia all’asl per maltrattamento.
    Il veterinario è venuto di domenica e noi eravamo tutti via, però non è entrato nella proprietà perchè non aveva la nostra autorizzazzione, mentre le due donne che lo hanno chiamato andavano avanti e indietro anche se il cancello era chiuso e c’è il cartello di proprietà privata (appena abbiamo finito con le carte queste due persone saranno denunciate per violazione di proprietà privata e diffamazzione, testimone il veterinario dell’asl), insistevano con il dire che gli animali erano in stato di abbandono e che l’asina si rotolava dal male che secondo loro aveva. il veterinario gli ha spiegato che se un asina o un cavallo si rotolano nella polvere è segno di benessere non sicuramente di dolore.
    Il veterinario è tornato il lunedì mattina alle sette e ha chiesto di vedere gli animali, alla fine del controllo ci ha fatto i complimenti per il torello che avevo in azienda e per le belle capre, quindi si è arrabbiato è ha detto che queste denuncie arrivano spesso e loro sono obbligati ad uscire e spesso sono falsi allarmi

    Secondo me molte persone prima di parlare di maltrattamenti dovrebbero informarsi e sopratutto fare un pò di pratica in stalla per vedere le difficoltà di gestione, guadagni ecc perchè fanno tutto sempre molto facile a parole.
    Mi fanno ridere tutti quelli che prima parlano di maltrattamenti sugli animali e li trattano come umani e poi appena arrivano a casa si cuociono una bella bistecca senza guardare la provenienza e la tracciabilità.
    Per quanto riguarda il servizio di striscia la notizia disordine a parte, gli animali non mi sembravano maltrattati, anzi vitelloni, vacche e capre mi sembravano in parecchio in carne, e anche erano puliti. La stalla è come una volta, ma di sicuro non si può pesare di lasciare in stabulazione libera vacche e capre in una stalla così, durerebbero due giorni poi tra cornate e calci sarebbe mezze morte.
    I cani erano sicuramente troppi per quelli spazi, però erano in salute e affettuosi con i padroni, l’unico che secondo me era “maltrattato” era quello dentro la gabbietta.

      • giusto per completare la storia,
        siccome l’asina aveva dei polipi (tumori della pelle, o “porri”) e un tumore sottocutaneo sotto la pancia (l’asina era arrivava dall’ungeria diretta al macello, e io l’ho comprata per caso per fare un palio e li ho scoperto quanto brava era e l’ho tenuta).
        Abbimo chiamato una veterinaria che l’ha operata sia alle orecchie (gliene ha tagliato via una porzione) sia alla tumora (staccando una porzione di pelle di 50 cm per 50, pulita dal tumore e ricucita).
        Dopo un paio di anni i polipi alle orecchie sono usciti ancora, e queste due signore che hanno chiamato il veterinario dicevano che l’asina si rotolava per il male alle orecchie.
        Il veterinario gli ha detto che non fanno male questi polipi, danno solo fastidio perchè le mosche continuano ad andarci sopra. ma loro hanno insistito.
        Poi hanno anche detto che l’asina correva il pericolo di soffocarsi perchè aveva la capezza su (le capezze sono fatte a posta perchè l’animale non si soffochi,come ha ribadito il veterinario).
        La settimana dopo il sopralluogo del veterinario mi è arrivato il vigile comunale a casa con un altro veterinario perchè le due signore oltre che chiamare l’asl avevano madato una lettera a Roma alla parlamentare (non ricordo il nome) che fa tanta pubblicità sul maltrattamento degli animali e ha fatto diversi regolamente per corse ed altre cose. Così oltre alla relazione standard il veterinario ha dovuto farne un’altra più dettagliata per Roma, incorporando una relazione della veterinaria che mi ha operato l’asina che spiegava dettagliatamente l’operazione, per fare capire che non eraq in stato di abbandono ma noi l’abbiamo anche curato per una cosa che molti invece avrebbe risolto il problema macellando l’asina.
        se ti servono altre informazioni chiedi pure
        andrea (quasipastore)

  15. PERSONALMENTE QUANDO ARRIVA QUESTA FESTIVITA’ DIVENTO TRISTE E SONO ANCOR DI PIU’ CIRCA DUE MESI PRIMA,QUANDO SI DOVREBBE INCOMINCIARE AD UCCIDERLI.COME SONO DIVENTATA TRISTE,CHE LE MUCCHE CHE DISEGNAVO E PITTURAVO SUI PIATTI DI CERAMICA,NON SAREBBERO STATE PER SEMPRE CON IL CAPPELLINO DI PAGLIA,CON IL RELATIVO FIORELLINO GIALLO,E CON UN BELLISSIMO IL SORRISO.ERO UNA BAMBINA E FREQUENTAVO UNA SCUOLA SPECIALE,ESSENDO NATA UN PO’ PRIMA,LO CHIAMANO PARTO PRECIPITOSO,E L’ANNOSSIA CHE E’ DURATA PER 4 MINUTI E MEZZO HA PORTATO DELLE CONSEGUENZE NON MENTALI.IN COLONIA ESTIVA DOVE SPERIMENTAVANO GLI INSERIMENTI DEI BAMBINI SPECIALI,PARLO DEI PRIMI ANNI ’70,UNA BRAVA SIGNORA CHE SISTEMAVA I TAVOLI DEL REFFETTORIO,MI DISSE -DAI MANGIA CHE COSI’ DIVENTI FORTE SE NO LA MUCCA E’ MORTA PER NIENTE.- E NEL PIATTO AVEVO UNA SVIZZERA COTTA TUTTA INTERA E UN PO’ DI PATATINE FRITTE CHE STAVO MANGIANDO.PREMETTO CHE SONO SEMPRE STATA SOTTOPESO DI 4-5 CHILI PER LA MIA ALTEZZA,E SONO DI COSTITUZIONE ESILE,MA DA ALLORA OLTRE ESSERE ENTRATA NELLA BELLE-BRUTTA REALTA,NON HO PIU’ VOLUTO INGERIRE CARNE E CARNE DI PESCE.LE PERSONE CHE MI DICONO TRA CUI I MIEI GENITORI.MANGIA UN PO’ DI CARNE CHE INGRASSI ……- UNA VOLTA RISPOSI A MIO PADRE CHE ERA UN ORSO SAPEVA TUTTO LUI, MA CON ME ERA DICIAMO TENERO.-IO CONOSCO LA SOFFERENZA E NON VOGLIO IGOIARE NULLA CHE PROVENGA DALLA SOFFERENZA.-MI RICORDO CHE MIO PADRE ERA GIRATO VERSO ALLA VETRINA,ED E’RIMASTO COSI PER QUALCHE SECONDO,ED E’ USCITO DALLA CUCINA SENZA DIRMI NULLA.AVEVO 15 ANNI ERO MOLTO GIOVANE RISPETTO CHI MANGIA CARNE MA DEVONO RISPETTARE ANCHE LA MIA FILOSOFIA IL MIO MODO DI VEDERE LA VITA.ADESSO NE HO 48 DI ANNI E LA MI PARESI E’ PEGGIORATA PARAPARESI E’ DIVENTATA TETRAPARESI SPASTICA CON QUALCHE PROBLEMA CHE ERA NASCOSTO E CHE NON C’E’ NESSUNA CURA PER ADESSO.MI SONO FATTA UN BEL REGALO A 40 ANNI.HO ANCORA UN POCHINO DI AUTONOMIA MA IL DOLORE FISICO ANCHE GRAZIE ALLE VARIE CICATRICI CHE HO,E CHE MI RICORDANO VARI CAPITOLI,DEL MIO LIBRO DELLA VITA,E’ NULLA ,SE MESSO AL CONFRONTO COME QUELLO CHE PASSANO GLI ANIMALI QUANDO VENGONO UCCISI.PASSANO MOMENTI DI PAURA DI TERRORE PERCHE’ SANNO QUELLO CHE GLI ACCADRA’,CAPISCONO HANNO PAURA….LA MIA NEUROCHIRURGA DI UN NOTO OSPEDALE DI MILANO UNA VOLTA MI DISSE,.-DA QUANDO ERA MORTO IL LORO CONIGLIO NANO NON SONO PIU’ RIUSCITI HA MANGIARE CARNE DI CONIGLIO,PERCHE’ AVEVANO RISCONTRATO CHE UNA FORMA LORO DI INTELLIGENZA.-IO HO PENSATO,PECCATO CHE NON POSSEDEVA ANCHE QUALCHE ALLEVAMENTO,CON ANIMALI VARI.FORZA L’UNICA COSA E’ CERCARE DI RISPETTARE IL PENSIERO,E LA RELIGIONE,ESISTE GIA’ TANTA VIOLENZA,MANCANZA DEL RISPETTO VERSO IL PROSSIMO….COSA DIRVI SE NON GRAZIE PER LA PAZIENZA E AH MI CHIAMO LAURA.GRAZIE ANCORA. P.S.SCUSATE PER EVENTUALI ERRORI.

    • laura, mi spiace per i tuoi problemi di salute. spero che gli animali possano aiutarti ad alleviare le tue sofferenze e per rendere meno difficile la tua vita.
      parli di rispetto ed io chiedo solo di rispettare tutti quelli che lavorano onestamente, allevando al meglio gli animali dalla nascita fino al momento della loro macellazione. per il resto, nonostante le tue parole dette con il cuore, non potrai far cambiare idea a tutti coloro che allevano ugualmente con il cuore, che per i loro animali sacrificano tutto, anche sé stessi.
      se tutti fossero vegetariani… non ci sarebbe una pecora, una vacca, una capra. non esisterebbe alcuna forma di allevamento, perchè a cosa servirebbero questi animali?? il latte si ha solo se l’animale partorisce e, se nasce un vitello, un agnello, un capretto, questo sarà destinato alla macellazione.

      • GRAZIE PER LE TUE PAROLE DOLCI E SINCERE,E HO RISPETTO PER CHI ALLEVA CON IL CUORE E L’ANIMA ENTRANDO CON TUTTO SE STESSO NEL PROPIO LAVORO.MA POI PUR TROPPO ESISTE LA PARTE NEGATIVA,COME IN TUTTE LE COSE.UN PICCOLO ESEMPIO,HO DUE CANI CHE MI FANNO COMPAGNIA,OLTRE MIO MARITO,AVREI ANCHE UNA FIGLIA CHE AVREBBE 26 ANNI,MA SI E’ ALLONTANATA IN SILENZIO QUANDO I MEDICI NEL 2004 GLI HANNO COMUNICATO ASSIEME A MIO MARITO CHE NON AVREI PIU’ CAMMINATO..SONO TRISTE ANCHE PER QUESTO,MA STO CERCANDO DI AUTOEDUCARMI CHE NULLA E’ ETERNO ANCHE I MIEI AMICI PELOSI CHE ORMAI SONO ANZIANI UNO HA12 E MEZZO E L’ALTRO 11 E SOFFRE DI EPILESSIA MA E’ CONTROLLATA GRAZIE AD UN FARMACO SENZA DUBBIO LA REALTA BRUTTA E’ BRUTTA,MA C’E’ ESISTE ANCHE QUELLA BELLA.QUANDO SENTI ,LEGGI ALCUNE PAROLE DETTE CON L’ANIMA E HO SENTITO QUESTO QUANDO HO LETTO LE TUE PRIME E IL SEGUITO DELLA TUA RISPOSTA.GRAZIE MIA HAI DONATO UN MOMENTO DI FELICITA’E SPERO CHE UN GIORNO VERRAI HA TROVARMI,MI PIACEREBBE CONOSCERTI DI PERSONA.GRAZIE ANCORA.LAURA

      • io spero che tua figlia ritorni, che tu in qualche modo riesca a trovare il modo per rompere quel silenzio e raggiungerla.
        è bello avere “amici pelosi” di cui occuparsi, ma in generale penso che siano gli affetti umani a dover occupare sempre il primo posto. a volte per quegli affetti è necessario dover “lottare” più che non per l’amore incondizionato che un animale ti può dare.

      • GRAZIE ANCORA,MENTRE LEGGEVO MI SONO SCESE ALCUNE LACRIME.PENSO E CREDO CHE SE ANCHE MIA FIGLIA DOVESSE FARSI VIVA,COSA CHE PENSO CHE NON FARA’ FORSE QUANDO MORIRO,E SE MORIRO’ PRIMA DI MIO MARITO.IL RAPPORTO NON SARA’ MAI SINCERO,CHIARO ABBASTANZA,RESTA SEMPRE NEL MIA MEMORIA LE CATTIVERIA DISUMANA CHE,UNA MADRE NON SI ASPETTA DA UNA FIGLIA.NON SARO’ STATA UNA MADRE PERFETTA,MA HO FATTO IL POSSIBILE.AVRO’UN CARATTE E UNA PERSONALITA’FORTE NON SONO STUPIDA.A DETTA DI ALTRI.SARO PESANTE,SCHIZZINOSA,MA SONO ANCHE SEMPLICE BUONA,DOLCE.HO MOLTI AMICI CHE VENGONO HA TROVARMI,E MI VOGLIONO BENE,TANTO CHE CASA MIA SEMBRA UN PORTO DI MARE,ED E’ DIFFICILE ANCHE PER LORO CREDERE IL COMPORTAMENTO DI MIA FIGLIA.E SINCERAMENTE PENSO,CREDO CHE LE POCHE FORZE,CHE MI RIMANGONO ,LE DEVO TENERE PER ME,PER FARMI FORZA,PER LOTTARE CONTRO LA MIA PATOLOGIA.PENSO CHE ABBIA SBAGLIATO IN QUALCOSA,MA A MIO GIUDIZIO NON MERITAVO,DI SENTIRE QUELLE OFFESE.DOPO CHE L’AVEVAMO PERDONATA VARIE VOLTE.ADESSO PRVO HA CAMMINRE UN POCHINO VISTO CHE DEVE ESSERE ARRIVATO MIO MARITO,SENTO I MIEI ANICI PELOSONI CHE FANNO UN PO’ DI CAOS.DAL CAOS SI GENERA LA VITA?.UN SALUTO SINCERO.LAURA

      • CONOSCO UNA FAMIGLIA CHE NON HANNO LA TELEVISIONE,,…MA SAPETE PER MOLTI E’ UNA COMPAGNIA FORZATA…….E DIVENTANO DIPENDENTI.CHE SI VIVA MEGLIO SENZA CONCORDO,MA NON SI PUO’ AVERE TUTTO DALLA VITA BASTA GUARDARE COSA OFFRE LA TELEVISIONE.COSA CI PROPONGONO DI VEDERE,SENTIRE.UN CARO SALUTO LAURA.

      • CONDIVIDO PIENAMENTE MA SAI,NON TUTTI POSSONO FARLO ANCHE METTELO SOLO,SU UN CANALE CHE TRASMETTA QUALCOSA DI COMESTIBILE.QUESTO HO POTUTO PROVARLO SULLA MIA PERSONA ,E ANCHE LE MIE POVERE CELLULE GRIGIE HANNO RISCHIATO SE NON MI DIMETTEVANO IN FRETTA DALL’ULTIMO MIO RICOVERO OSPEDALIERO.MA SONO STATA MOLTO UTILE ALLA MIA COMPAGNA DI CAMERA E ALLA SUA FAMIGLIA,,,,,,NEL MIO PICCOLO….. SE ANCHE MIO MARITO DICE SPESSO CHE CRITICO SPESSO,E CHE NON MI VA MAI BENE NIENTE.MHA FORDE HA RAGIONE?

    • SCUSA PER GLI EVENTUALI ERRORI,SAI CHE PER FORTUNA MIA NON HO VISTO.POSSO PENSARE CHE BELLE IMMAGGINI CHE ABBIANO TRASMESSO.SE ERA UN DOCUMENTARIO CHE TRATTAVA ARGOMENTI CHE MI INCURIOSIVA,MI SENTREI UN PO DISPIACIUTA,MA PER STRISCIA E ALTRE TRASMISSIONI DI QUELL’ONDA NON SENTO LA MANCAZA PER NULLA.E HAI FATTO BENE….UN SALUTO.LAURA.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...